Home Prima Pagina Calciomercato SSCN, l'estate in cui si decide il futuro del Napoli

Calciomercato SSCN, l’estate in cui si decide il futuro del Napoli

Covid-19

Italia
553,374
Totale casi Attivi
Updated on 18 January 2021 8:18

Calciomercato SSCN, comincia un’estate decisiva per il futuro della squadra di Aurelio De Laurentiis: si respira aria di rivoluzione

Calciomercato SSCN – La stagione appena conclusasi ha mostrato un Napoli in piena necessità di cambiamento.

Ricordiamo tutti gli annunci trionfalistici dello scorso ritiro dimarese, quando le aspettative erano alte e l’allora allenatore partenopeo, Carlo Ancelotti, dichiarava di non volersi accontentare più del secondo posto e di mirare alla conquista del campionato, forte di una rosa competitiva in ogni reparto.

10, questo il voto dato al mercato della società azzurra. Un voto tondo, pieno, che nutriva le speranze dei supporters partenopei di poter conquistare finalmente quel sogno accarezzato per oltre trent’anni.

In realtà, il rettangolo da gioco ha dato responsi nettamente diversi: squadra deludente, un’idea di gioco non applicabile dalla rosa partenopea, importanti punti persi e il pericoloso avvicinamento alla zona retrocessione.

Il punto più basso della stagione è coinciso con l’ammutinamento post-Salisburgo, quando la squadra ha deciso di non rispettare il ritiro e di far ritorno presso le proprie abitazioni.

Da lì, una frattura insanabile con l’allenatore e la necessità di cambiare guida tecnica: l’esonero di Ancelotti e la scelta di Gattuso hanno prodotto nell’immediato risultati altalenanti.

Con l’acquisto di Demme prima e di Lobotka poi, si è tentato di dare equilibrio ad un centrocampo privato di un indispensabile regista, con effetti positivi su risultati e gioco della SSCN.

Il covid ha interrotto il campionato in un momento positivo per gli azzurri, che alla ripresa hanno faticato a trovare continuità di risultati ma si sono affermati come terza forza della Serie A nel girone di ritorno.

Un settimo posto che ha significato esclusione dalla Champions League, obiettivo minimo della stagione appena conclusasi.

In compenso, Gattuso ed i suoi sono riusciti a conquistare la Coppa Italia, battendo Lazio, Inter e Juventus e riportando a casa il trofeo dopo 6 anni di lontananza.

Ora il Napoli si guarda allo specchio: la partita con il Barcellona ha evidenziato i problemi che la squadra partenopea si porta dietro da diverso tempo.

Bassissima la media realizzativa rispetto alla mole di occasioni create: c’era bisogno di un attaccante puro, uno che abbinasse quantità a qualità e si è puntato su Osimhen.

Ma il Napoli ha in corso una vera e propria rivoluzione.

Il ciclo iniziato con Benitez ed esploso con Sarri si è definitivamente concluso e, dopo le importanti cessioni degli scorsi anni di Hamsik, Albiol e Jorginho, si impone un rinnovamento della rosa.

Molti i big dati in partenza: Koulibaly (per il quale, però, si aspetta l’offerta giusta: il Napoli non sarebbe disposto a cederlo per meno di 70 mln di euro), Allan (che dal gennaio 2019, dopo le sirene parigine respinte dalla società al mittente, non ha più ritrovato se stesso), Callejon (già salutato dalla Società partenopea), Milik (per il quale si è registrato un interesse della Juventus), Ghoulam che purtroppo è diventato meteora, dopo la serie interminabile di infortuni subìti).

Probabilmente in partenza anche Younes, che non ha mai trovato continuità nella squadra azzurra, così come Llorente e Luperto.

Particolare attenzione si concentrerà sulle ali e sui terzini.

L’idea Boga alletta molto la Società partenopea: il calciatore offrirebbe garanzie sulla fascia sinistra – dove si alternerebbe con Insigne – ma potrebbe giocare anche sulla fascia destra, dove andrebbe a sostituire Callejon e a costituire alternativa a Politano.

Interessante anche il profilo di Under, per il Napoli che sarà.

A centrocampo, servirebbe un profilo in grado di restituire equilibrio sia in fase di costruzione che in fase di ripiegamento, cosa che spesso è mancata quest’anno: farebbero al caso del Napoli Kessie del Milan e Fofana dell’Udinese, operazioni comunque molto complicate da mandare in porto.

Già di proprietà azzurra, Rahmani si unirà al gruppo per il ritiro in quel di Castel di Sangro e dovrà provare ad inserirsi nella difesa azzurra, che molti gol ha subito nella stagione appena conclusasi.

Ieri data per conclusa l’operazione che porterebbe Gabriel del Lille a vestire la casacca azzurra per la prossima stagione. Vi aggiorneremo sugli eventuali sviluppi della trattativa.

Nodo Hysaj da sciogliere: si parla di possibilità di rinnovo. Qualora non dovesse concretizzarsi, una valida alternativa potrebbe essere Faraoni del Verona.

C’è da costruire il Napoli del futuro, le prossime settimane sono decisive per comprendere cosa vorrà fare la compagine partenopea da grande.

Primo obiettivo della società azzurra è il ritorno in Champions League, tra i grandi d’Europa.

Latest Posts

ULTIME NOTIZIE