Blitz anti-camorra all’alba: 45 arresti nel clan Moccia

blitz anti-camorra
Immagine di archivio.

Blitz anti-camorra ai danni del clan Moccia: eseguiti 45 arresti all’alba tra Afragola, Casoria, Caivano e Frattamaggiore

A conclusione di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Napoli, è in corso un maxi blitz anti-camorra nelle aree del napoletano gestite dal clan Moccia. A darne notizia i colleghi di TGCOM24.

In queste ore, gli agenti della D.I.A., della Squadra Mobile di Napoli e del Nucleo Investigativo Carabinieri di Castello di Cisterna stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di 45 persone.

I soggetti dovranno rispondere di svariate accuse che vanno dall’associazione mafiosa, alla detenzione di armi comuni e da guerra, estorsioni e riciclaggio di ingenti somme di denaro.

L’attività investigativa ha condotto allo smantellamento di un’organizzazione di stampo camorristico attiva da anni in ampie aree della provincia di Napoli – Afragola, Casoria, Arzano, Frattamaggiore, Frattaminore, Cardito, Crispano, Caivano e Acerra – e in alcune città del Lazio, nota come clan Moccia.

Le indagini, inoltre, hanno permesso di ricostituire, grazie contributo di collaboratori di giustizia e intercettazioni di colloqui in carcere, il gruppo di vertice del clan. In particolare, spiccano le figure di Luigi e Teresa Moccia, Filippo Iazzetta e Anna Mazza (deceduta).

Riconosciuti anche i cosiddetti “senatori”, gli affidatari delle direttive: Salvatore Caputo (deceduto), Domenico Liberti, Maria Luongo, Pasquale Puzio e Antonio Senese.