3 Marzo 2021

Annamaria muore dopo il vaccino Covid: insegnava inglese, aveva 62 anni

Annamaria muore a 62 anni

Tragedia a Napoli: Annamaria, insegnante di inglese, muore a 62 anni pochi giorni dopo aver fatto il vaccino AstraZeneca. Aperta indagine

TRAGEDIA NEL NAPOLETANO- Annamaria Mantile perde la vita a 62 anni. La donna, che insegnava inglese presso l’Istituto Minucci di via Domenico Fontana al Vomero, aveva fatto il vaccino lo scorso 27 febbraio. Poi, i primi effetti collaterali considerevoli: Annamaria accusa dolori, inizia ad avere problemi respiratori. Così chiama il medico che arriva a casa velocemente. Tutto vano però: Annamaria è morta 4 giorni dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca.

Al momento, secondo quanto riportano i colleghi di “Fanpage” non c’è alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e il decesso della donna. Soltanto l’esame autoptico potrà chiarire le cause della morte. Chiaramente però la morte di Annamaria ha lasciato tutti senza parole. La famiglia infatti, ha presentato una denuncia ai militari dell’Arma. La salma è ora sotto sequestro e si sta cercando di comprendere quali siano state le cause che hanno portato al decesso.

Al momento nessuna ipotesi è da scartare. Resta però da appurare e dimostrare un collegamento tra il decesso di Annamaria e il vaccino ricevuto dall’insegnante. Il medico le aveva somministrato un lavaggio, ma la donna non ce l’ha fatta. Annamaria ha infatti avuto un arresto cardiaco e si è spenta all’età di 62 anni. La donna viveva in casa con sua madre di 93 anni. Sul terribile evento è intervenuta la Procura di Napoli, che ha aperto un’inchiesta dopo la segnalazione del fratello di Annamaria, Sergio Mantile.

NON PERDERTI NEMMENO UNA NEWS DI CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ E CULTURA. RESTA AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE RELATIVE ALLA SSC NAPOLI. CONTINUA A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE E LASCIA UN LIKE QUI.

LEGGI ANCHE: “INCIDENTE MORTALE A SECONDIGLIANO: HA UN INFARTO E SI SCHIANTA CONTRO LE AUTO”. CLICCA QUI PER LEGGERE LA NEWS.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.