Allarme amianto tra Parete e Giugliano. La rabbia dei cittadini

allarme
Si ringrazia per l'immagine il gruppo Facebook "Terra Nostrum Trentola Ducenta"

Allarme amianto, lastre di eternit tra Parete e Giugliano. Richiesto urgentemente un intervento di bonifica del territorio

Allarme amianto sulla tratta PareteGiugliano. Sul ciglio della strada sono presenti onduline di eternit sbriciolate. Pare siano state scaricate nella primissima mattina di ieri, venerdì 9 agosto.

La sconcertante notizia si apprende dal gruppo Facebook “Terra Nostrum Trentola Ducenta“.

Sono stati i volontari di Parete ad effettuare la segnalazione.

Le lastre di eternit invadono la zona che da via S. D’Acquisto a Parete si protrae fino a via Ex Alleati (Giugliano). Secondo quanto si apprende dal post,ogni 100 metri sono state scaricate circa due o tre lastre contenenti amianto. In vari punti l’eternit risulta essere sbriciolato, il che lo rende ancor più nocivo per la salute. La fibra di amianto, infatti, è pericolosissima. L’inalazione può provocare mesotelioma, asbestosi e cancro ai polmoni.

La zona è frequentata da sportivi ed automobilisti che, quindi, sono esposti a grandissimi rischi. E’ fondamentale mantenersi a distanza di sicurezza e non avvicinarsi alle lastre senza maschera protettiva.

Numerosi i commenti dei cittadini infuriati, in pena per se stessi e per il territorio martoriato: “Mi danno l’anima non si può restare a guardare”, “Il problema purtroppo sussiste un po’ in tutta la campania, soprattutto lungo le rive dei fiumi come il volturno. Certo però che disfarsene con queste modalità è da criminali.”

Nei commenti si leggono anche altre segnalazioni: “Amianto presente anche in via Vianina(strada delle vasche d’irrigazione che sale da Parete verso Casacelle),incrocio al confine tra Parete Giugliano. Pericolosissimo in quanto nei giorni passati è stato oggetto di rogo. La strada è frequentata tutte le mattine da podisti e contadini.”

“I comuni di Parete e Giugliano devono intervenire immediatamente per rimuovere l’eternit, bonificare e mettere in sicurezza i punti interessati dallo sversamento”, si legge nel post.