Albiol saluta Napoli: “Anni incredibili, mi sono sentito come a casa”



Albiol

Albiol all’addio: i saluti del difensore spagnolo a Napoli. “Mi sono sentito come a casa, sono stati anni incredibili”…

Albiol, ci siamo. L’addio del difensore azzurro, già nell’aria dalla scorsa estate, si è appena concretizzato.

Intervenuto ai microfoni di Kiss Kiss Napoli, Raul si è accomiatato dall’esperienza partenopea con lo stile ed il garbo di sempre.

Per me sono stati sei anni bellissimi, incredibili a Napoli. Mi sono sentito come a casa. Per questo ringrazio i tifosi partenopei per tutte le emozioni che mi hanno regalato, per l’affetto che hanno donato a me a alla mia famiglia. E’ mancato solo il sogno scudetto, ma sono certo che nel prossimo futuro si realizzerà. Prevedo un grande futuro per il Napoli: abbiamo un allenatore importante, e già due anni fa abbiamo sfiorato lo scudetto andando a battere la Juventus in casa loro“.

Albiol passa alla corte del Villareal, tornando in patria.

“Non avrei lasciato il Napoli per nessun’altra squadra. Il Villareal mi seguiva da due anni e mi sono deciso a tornare a casa”.

Non poteva mancare una “previsione” sulla stagione del Napoli che sta per aprirsi con il ritiro dimarese.

Sono certo che anche quest’anno il Napoli battaglierà con la Juventus. Con Ancelotti che adesso conosce meglio la squadra e con i prossimi innesti, il Napoli sarà ancora più forte e competitivo. Manolas e James? Il Napoli deve puntare a nomi del genere, se vuole migliorare ancora“.

Ma in rosa abbiamo già chi si è candidato al ruolo di futuro campione: Fabian Ruiz.

E’ davvero un grande giocatore, un ragazzo con grandissime qualità e con la testa sulle spalle. Può davvero affermarsi a livello mondiale. Crescerà ancora, perché Ancelotti è il profilo d’allenatore più giusto per le sue caratteristiche“.

Dopo una riflessione sul passaggio di Sarri alla corte bianconera – “sono scelte di vita, ovviamente i tifosi azzurri non possono prenderla bene” -, Albiol ha salutato con affetto la sua esperienza in azzurro ed il caldissimo pubblico partenopeo.

Lasciare Napoli è stata dura per tutto l’affetto dimostratomi. Non è mai facile cambiare ma sentivo che fosse giunto il momento. Grazie ancora a tutti per questi incredibili anni trascorsi insieme. Grazie alla città di Napoli per l’affetto mostrato alla mia famiglia. Grazie alla Società, al Presidente, ai Mister e ai miei compagni per tutte le emozioni. Ricorderò sempre Napoli e la porterò nel cuore. E spero di tornarci per festeggiare insieme alla città lo Scudetto“.

Leggi anche