23 Aprile 2020

A Napoli sequestrare 11mila mascherine

ispezioni nas Napoli

A Napoli vengono sequestrate 11mila mascherine nocive per la salute. Denunciata una donna di 44 anni che opera nel settore tessile

NAPOLI, 23 APRILE – La denuncia parte dai Carabinieri della stazione di San Vitaliano, insieme a quelli della stazione forestale di Marigliano e del Nas di Napoli.

Un’imprenditrice di Scisciano (Napoli), fabbricava migliaia di mascherine in stoffa nocive per la salute e prive delle autorizzazioni medico sanitarie.

Sui prodotti il marchio di controllo CEE non è mai stato conseguito.

La donna 44enne, titolare di una ditta tessile, fabbricava le mascherine per poi destinarle al mercato nazionale. Anche le attrezzature per la produzione sono state poste sotto sequestro.

Giorni fa, un episodio simile si è verificato tra l’area est di della città e Poggioreale: mascherine con falso «marchio CE» pronte per essere messe in vendita. I finanzieri del Gruppo Pronto Impiego, hanno denunciato un 39enne cinese che operava in Via Gianturco.

Ancora un altro episodio si verifica a Napoli: un 47enne – di nazionalità cinese –  scaricava pacchi di mascherine FFP2 non conformi alle normative vigenti.

POTREBBE INTERESSARTI QUESTO ARTICOLO: “GIUGLIANO, INCIDENTE SULLA CIRCUMVALLAZIONE, AUTO SI RIBALTA DOPO L’IMPATTO”

LEGGI ANCHE: “SCANDALO A ERCOLANO, VIVO IN UN SOTTOSCALA PERCHÉ SONO GAY” 

Resta sempre aggiornato con Napoli.Zon per ricevere in tempo reale tutte le notizie sulla pandemia, clicca qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.