Verona: sessanta turisti napoletani bloccati in aeroporto



verona

A Verona, nell’aeroporto, sono bloccati da quasi 24 ore ben sessanta turisti napoletani. La vacanza che si è tramutata poi in un incubo

Sembra quasi un incubo quello di sessanta turisti napoletani bloccati da un giorno nell’aeroporto di Verona. Il volo era in partenza da Cefalonia ed era diretto a Napoli, con scalo all’interno dell’aeroporto veronese. Uno scalo durato quasi 24 ore, però, visto che i sessanta napoletani sono bloccati all’aeroporto Catullo dalle 13 di ieri.

Ecco quanto dichiarato da un passeggero del volo (fonte: “Il Mattino”):

“Il nostro charter della Mistral Air partito dalla Grecia, dove abbiamo trascorso le vacanze, doveva arrivare alle 15 di ieri a Capodichino, dopo un veloce scalo tecnico a Verona intorno alle 13. Siamo stati, invece, oltre due ore chiusi nell’aereo sulla pista di decollo in attesa del via libera della torre di controllo. Ci hanno detto che dovevano riparare un piccolo guasto tecnico, ma solo intorno alle 16.30 il comandante dell’aereo ci ha detto che il guasto non era stato ancora riparato e ci hanno fatto scendere. Siamo entrati nella sala di attesa imbarchi dell’aeroporto e da quel momento, ogni ora, ci ripetevano che di lì a breve saremmo ripartiti con un altro charter verso Napoli. Si sono fatte le 20.30 e solo in quel momento ci hanno detto che l’aereo non c’era e hanno spostato l’intera comitiva in due alberghi di Verona”.

Speranzosi, questa mattina i ragazzi si sono recati all’aeroporto Catullo sperando finalmente di poter partire, ma ancora una volta hanno ricevuto una brutta sorpresa. “Siamo ancora qui a Verona. – racconta al telefono uno di loro – Nessuno ci ha ancora informato su quando e come riusciremo a fare ritorno a Napoli. È davvero assurdo tutto ciò, oltre ad essere un danno economico per molti di noi passeggeri. C’è chi doveva rientrare questa mattina al lavoro; chi doveva accudire i genitori; chi doveva ricongiungersi con i parenti. Siamo stati abbandonati nell’aeroporto di Verona senza spiegazioni ufficiali. Ora i nostri avvocati verificheranno di chi sono le responsabilità e chiederemo i risarcimenti”.

Leggi anche