Vento forte a Napoli, paura tra alberi e cornicioni caduti



napoli

Vento forte a Napoli, paura tra alberi e cornicioni caduti: la situazione. Si raccomanda di restare a casa e di uscire solo se necessario

Le violentissime raffiche di vento che hanno colpito Napoli e provincia negli ultimi giorni sembrano non essere ancora arrivate ad un conclusione.

In ogni parte del territorio napoletano si stanno registrando, ora dopo ora, episodi spiacevoli che dimostrano chiaramente come la situazione stia sfuggendo di mano.

Tra divieti di uscire di casa, alberi e parti di edifici che crollano sull’ asfalto e la chiusura immediata delle scuole, la paura tra i cittadini è palpabile.

Alcuni dei casi più difficili che sono stati attualmente registrati.

La cittadina di Torre Annunziata, in cui la caduta di alberi e cornicioni di palazzi ha spinto il Comune a mandare un appello ai suoi cittadini, dichiarando di evitare di uscire nelle prossime ore dalle proprie abitazioni, e per casi particolari raccomanda di camminare lontano da edifici e insegne pubblicitarie.

A Chiaiano, la tettoia di un palazzo e stata letteralmente scaraventata in strada.         Per fortuna non ci sono stati feriti, ma le auto nei dintorni hanno riportato alcuni danneggiamenti.

A Bagnoli, nei pressi della fermata della Cumana, sono crollati degli enormi pannelli di un cantiere privato, in cui gli operai stavano lavorando per la ristrutturazione di un ristorante.
Anche in questo non ci sono stati feriti.                                                                           Tuttavia i lavoratori del cantiere hanno dovuto faticare fin dalla mattina per riparare al tutto.

Di fronte a tali circostanze molte scuole hanno annunciato il maxi-ponte da giovedì a sabato.                                                                                                                         Dunque oltre alla festività del 1 Novembre alcuni istituti resteranno chiusi per i successivi tre giorni del mese.

Leggi anche