Tessere PD sospette a Pomigliano: richiesto l’intervento di Orfini



tessere pd

Un boom di nuove tessere PD a Pomigliano ha fatto insospettire i vertici del partito: quindici militanti hanno scritto a Matteo Orfini per chiedere chiarezza


Un flusso anomalo di tessere PD è stato registrato negli ultimi giorni, facendo insospettire diversi militanti del Partito Democratico. I dati sul tesseramento al Circolo di Pomigliano sono schizzati dalle 100 adesioni dello scorso anno agli oltre 600 iscritti di oggi. Un’impennata improvvisa, che non a caso coincide con l’imminenza del Congresso del PD.

Quindici militanti di Pomigliano hanno perciò chiesto ai vertici del partito di fare chiarezza sulla situazione, che negli ultimi giorno ha coinvolto diverse circoscrizioni della città di Napoli. In una lettera indirizzata congiuntamente al Presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini, al parlamentare Emanuele Fiano e al presidente della Commissione congressuale, Lorenzo Guerini, viene espressa più di una perplessità.

Così i sottoscrittori della lettera, tra cui il consigliere comunale del Pd Michele Tufano, lanciano l’allarme: “Il numero di adesioni al Circolo schizzava inspiegabilmente dalle circa 100 dello scorso anno ad oltre 600 iscritti. Così veniva raggiunta la cifra di 596 richieste di iscrizioni e 100 richieste on line, a fronte di un circolo che meno di due anni fa raccoglieva 3044 voti alle elezioni comunali e 2400 votanti alle primarie che vedevano ben tre partecipanti. Queste cifre da sole dovrebbero considerarsi allarmanti“.

Tra i fedelissimi del Circolo di Pomigliano, peraltro, si fa strada un altro sospetto, altrettanto grave: “l’impressionante mobilitazione di un pezzo del ceto politico del centrodestra locale nel convincere elettori, familiari, sodali ed addirittura alcuni candidati nelle liste del centrodestra alle ultime elezioni amministrative ad iscriversi al Partito Democratico”.

Si invitano perciò i vertici della direzione nazionale a fare chiarezza sulla questione. Occorrerà, in particolare, sospendere le iscrizioni e verificare che le tessere PD rilasciate nei giorni scorsi siano tutte precedute da richieste aventi i requisiti prescritti.

Leggi anche