Svolta nella Sanità Campana: De Luca annuncia novità e l’abolizione dell’ARSAN

sanità campana

De Luca annuncia l’abolizione dell’Arsan e la rivoluzione nella Sanità Campana con riduzione delle liste d’attesa e l’istituzione di un nucleo ispettivo 


Modifiche alla sanità campana: Stamattina alle 10 il Presidente della Regione De Luca ha convocato una conferenza stampa per annunciare il suo piano sulla Sanità in Campania, dopo che ieri la Giunta ha approvato la nomina dei sub-commissari per le ASL, dopo quella dei Commissari.

Le promesse sono state quelle per un miglior servizio ai cittadini, abbattendo le lunghissime liste d’attesa che oggi la nostra regione registra: che spesso arrivano a circa un anno per visite cardiologiche o neurologiche, tempi biblici per una visita oculistica che arriva a 1700 giorni e circa 6 mesi per una risonanza magnetica.

de-lucaIl governatore ha spiegato che “questi sono dati scandalosi nel rapporto con i cittadini: non puoi dire a una persona anziana o a una donna che ha il dubbio di un tumore ci vediamo tra dieci mesi, perché è chiaro che va al San Raffaele di Milano e così spendiamo 300 milioni l’anno di mobilità passiva, finanziando gli ospedali del nord. In due giorni devi avere la possibilità di farti la visita. Ci vorranno investimenti su tecnologie, su cui stiamo sfruttando la coda dei fondi europei 2007-2014 e medici, su cui siamo in trattative con il ministero, ma penso che in un anno ci riusciremo“.

Inoltre, annuncia che sarà “costituito l’ufficio di vigilanza ispettiva della Regione Campania: oggi non c’è nessuno che controlla niente (e questo era parte del lavoro che doveva fare l’Arsan). L’Ufficio controllerà l’appropriatezza delle prestazioni, le anomalie, con assoluto rigore. Non abbiamo molte risorse ma fino all’ultimo euro sarà speso come dio comanda“.

Per quanto riguarda la vicenda “Ospedale del Mare” si pensa di completare la pianta organica entro l’estate 2016, si stanno ultimando i lavori esterni e si è chiesto di istituire una fermata dell’autobus vicino all’ospedale, perché quella più vicina è a 600 metri. Aggiunge infine: “Vogliamo fare dell’Ospedale del Mare una struttura in grado di competere con il San Raffaele di Milano, con personale nuovo e primari che siamo dei veri e propri capi scuola“.Montemarano

Inoltre, così come già annunciato lo scorso 10 ottobre, circa l’Arsan (Agenzia regionale per la Sanità), anche a seguito della condanna inflitta dalla Corte dei Conti nei confronti degli ex amministratori della ASL NA1 e del danno patrimoniale di 10 milioni di euro riferito all’attuale direttore generale dell’Arsan, Angelo Montemarano, il Presidente De Luca annuncia la sua abolizione ritenendo le professionalità interne alla Regione valide a svolgere il ruolo di monitoraggio che la stessa Arsan avrebbe dovuto svolgere.