Spettacolo per Aurora, vittima della Terra dei Fuochi



Aurora

“Insieme per Aurora ”, questo lo spettacolo organizzato a Napoli dall’associazione “Terra dei Cuori” con Gigi d’Alessio, e Loredana Daniele, figlia del grande Pino

«Non è giusto, qui i bambini sono tutti malati, non inquinate più la nostra terra» queste le parole con cui Aurora, figlia della giornalista casertana Marilena Natale, chiedeva aiuto in un video divenuto dopo poco tempo virale sui social network, ridando voce a tutte le vittime innocenti, ai migliaia di bambini malati come lei.

Una richiesta toccante, quella della bambina affetta da una grave neoplasia al cervello, un modo per riportare l’attenzione su quella Terra dei Fuochi che continua a bruciare, anche se di nuovo dimenticata, su una situazione d’inquinamento ambientale di fronte alla quale non si possono più chiudere gli occhi.

Le parole di Aurora non sono rimaste inascoltate e, in onore della bimba, l’associazione “Terra dei cuori”, di cui è presidente onorario Gigi d’Alessio, e Loredana Daniele, figlia di Pino Daniele, hanno organizzato uno spettacolo di beneficenza intitolato “Insieme per Aurora”, che avrà l’obiettivo di raccogliere i fondi per Aurora e gli altri bambini affetti da patologie simili.

L’evento si terrà il 29 gennaio alle ore 21.00 presso il Palapartenope, e ospiterà le esibizioni di numerosi artisti tra cui Monica Sarnelli, gli Arteteca di Made in Sud, Peppe Iodice, Angelo Di Gennaro, Tony Cercola, Marzo Zurzolo, Nello Iorio, oltre ad uno spettacolino organizzato da alcuni amichetti della bambina, affetti da sindrome di down.

La vicenda di Aurora ha toccato molti cuori e numerosi vip si sono interessati alla sua vicenda, come ad esempio il giocatore del Napoli Dries Mertens, gli Arteteca e Gigi d’Alessio che l’ha voluta al suo fianco sul palco durante il concerto per la Terra dei Fuochi. La stessa Loredana Daniele ha preso molto al cuore la sorte della bambina: «Ho conosciuto Aurora, in occasione di una ‘tombolata’ di beneficenza, e sono determinata a darle un aiuto e una speranza per il futuro. Non bisogna mai chiudere gli occhi davanti a queste vicende pensando che si tratta di problema che non ci riguarda».

Attualmente la bambina si sta sottoponendo a dei test a Houston in Texas per verificare se potrà o meno sottoporsi ad una costosissima terapia sperimentale. Per lei si è, dunque, acceso un barlume di speranza, che confidiamo possa accendersi anche per tutti gli altri bambini malati: che la Terra dei Fuochi bruci di speranza e non più di morte.

Leggi anche