24 Gennaio 2021

Rompe le acque in auto: ostetrica di passaggio fa nascere il bambino

ostetrica, incinta, auto, acque,

Una donna incinta non riesce ad arrivare in tempo in clinica. Si rompono le acque in auto e un’ostetrica di passaggio fa nascere il neonato

Nella giornata di ieri, in provincia di Avellino, è accaduto un episodio che ha del miracoloso. Una donna incinta di Parolise, piccolo comune dell’avellinese, ha partorito in auto, non essendo riuscita ad arrivare in tempo in clinica. Ad aiutarla, un’ostetrica di passaggio, un vero e proprio angelo che non ci ha pensato su due volte ed ha aiutato la donna a far nascere il neonato.

La donna si trovava da sola in casa sua quando ha iniziato ad avvertire forti dolori, molto più intensi del solito. Una volta compreso che qualcosa non andava, ha allertato subito il compagno che però non era nelle vicinanze. Questi, convinto di non riuscire a raggiungere in tempo la donna, ha avvisato la polizia. Una pattuglia, dopo essere giunta sul posto, ha scortato la futura neomamma (e il compagno nel frattempo arrivato) verso la clinica Malzoni di Avellino.

Ma appena entrati in viale Italia, a pochi metri dall’ingresso della clinica, la situazione è degenerata: le acque si stavano rompendo. Dolori fortissimi e urla strazianti, però, hanno attirato l’attenzione di Margherita Lembo, capo ostetrica della clinica, che stava arrivando proprio in quel momento per iniziare il turno di lavoro. La dottoressa, avendo compreso che non c’era il tempo materiale per un ricovero tradizionale, non ha esitato neppure un secondo. Senza nemmeno togliersi il cappotto, ha aiutato la donna a far nascere il bambino in auto. Un vero e proprio intervento provvidenziale.

Ora mamma e figlia (è nata una bambina) sono in clinica e stanno bene. La piccola è nata di 8 mesi e pesa 1,9 chili ma, fanno sapere i medici, è in ottime condizioni. (fonte: Il Fatto Vesuviano)

LEGGI ANCHE: MEDIUM ACQUISTA GLOSE: DIVENTERÀ IL SOCIAL PER GLI AMANTI DEI LIBRI

Seguici su Facebook. Clicca qui.
Seguici su Instagram. Clicca qui
Seguici su Twitter. Clicca qui.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.