Riace, deportazione dei migranti: il sindaco Luigi De Magistris non ci sta

Riace

Riace, la deportazione dei migranti scuote le coscienze di tutti. Il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, condanna duramente la vicenda

Riace – La deportazione dei migranti scuote le coscienze di chi ha sempre creduto che l’integrazione fosse l’unica soluzione umanamente possibile.

L’integrazione, l’accoglienza come unica via percorribile, per chi è chiamato ad ospitare uomini, donne e bambini, cui i rispettivi Paesi d’origine non garantiscono una vita dignitosa.

A condannare duramente gli episodi del comune calabrese, anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris.

Il primo cittadino partenopeo affida al suo canale ufficiale Twitter il suo sfogo:

La deportazione dei migranti da Riace è atto violento e disumano.Chi è stato a Riace sa che il Sindaco ha reso vivo e gioioso un luogo desertificato da migrazioni di calabresi. Riace non si tocca! Invece di cacciare i mafiosi deportate le vittime dei trafficanti di morte. Vergogna!“.

Ricordiamo che il Sindaco del comune calabrese, Mimmo Lucano, considerato da sempre simbolo e modello dell’integrazione intraculturale, si trova da due settimane agli arresti domiciliari, con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

I migranti, presenti nel comune della Calabria, saranno allontanati e distribuiti in altri centri di accoglienza.

L’ondata di polemiche suscitata dal grave episodio non accenna a placarsi.