Restyling stadio San Paolo: a dicembre i lavori



restyling san paolo

Il Comune di Napoli finanzierà, attraverso il Credito Sportivo, i lavori di restyling allo Stadio San Paolo: la prima tranche della ristrutturazione inizierà a dicembre e durerà 90 giorni. Cosa cambierà?

In una conferenza stampa presso la Sala Giunta di  Palazzo San Giacomo, il primo cittadino Luigi De Magistris ha annunciato: «La macchina l’abbiamo lanciata e la sua corsa, stavolta, non si fermerà». Assieme all’assessore allo Sport Ciro Borriello, il sindaco ha presentato il primo restyling programmato allo stadio San Paolo garantito attraverso i fondi del Credito Sportivo: per la prima tranche – che avrà inizio a dicembre per la durata di 90 gironi – il finanziamento ha toccato 1 milione e 400mila euro.

Aggiunge De Magistris: «Non si poteva più attendere, il San Paolo è lo stadio del popolo, non di qualcuno. Un restyling era indispensabile, l’abbiamo deciso come Comune. Abbiamo stilato un programma serio per i lavori, diviso in più fasi, che non va in conflitto con la stagione agonistica.» La seconda fase, infatti, inizierà in estate, a campionato terminato.

Per il restyling saranno previsti interventi sulla Tribuna Stampa attraverso l’abbattimento delle barriere architettoniche, costruzione di un impianto fotovoltaico e protezione dagli agenti atmosferica; si interverrà sulle zone di accoglienza delle squadre, sugli spogliatoi , sull’impianto antincendio. La novità del restyling è tuttavia la realizzazione di un corridoio dedicato ai 90 anni della storia del Napoli.

Leggi anche