Primarie per il candidato sindaco del centrosinistra

primarie

Ieri sera si è riunito il tavolo di coalizione del centrosinistra elaborando il testo del regolamento per le primarie

Ieri sera, si è riunito il tavolo di coalizione del Centrosinistra con la presenza dei rappresentanti di PD, IDV, Scelta Civica-Cittadini per Napoli, Repubblicani democratici, Centro democratico, PSI, Verdi e R.e.d. – Rete civica e democratica, che ha elaborato il testo definitivo del regolamento per le primarie a candidato Sindaco della Città di Napoli.

La Segreteria PD di Napoli, comunica che già giovedì 17 il regolamento verrà sottoposto all’approvazione della direzione Metropolitana.

Per lunedì 21 è previsto l’insediamento del Comitato organizzatore delle primarie, che avvierà le procedure tecnico-organizzative per la competizione.

Tutte le forze politiche della coalizione hanno condiviso l’ipotesi di far presentare le candidature nel periodo dal 7 al 29 gennaio 2016 e di indicare come data del voto, domenica 28 febbraio 2016, confermando così la volontà di partecipare all’election day nazionale.

toti-langeIl Vice Segretario provinciale PD, Toti Lange, da noi interpellato, ci ha confermato che la discussione è rimessa alla direzione metropolitana di giovedì, dove Lange auspica che “la scelta delle primarie venga adottata anche per scegliere i candidati Presidenti delle Municipalità”.

In questo ultimo periodo, i nomi di eventuali candidati si sono sommati all’annunciata candidatura di Antonio Bassolino, da Riccardo Maria Monti a Celeste Condorelli, in quota PD, per approdare ad Antonio Marfella per il PSI. Al momento il PD non ha un nome condiviso e questo è pericoloso per lo stesso PD. Renzi come pensa di venirne fuori?

Affidandosi alle primarie, gli elettori di centrosinistra sperano che si superino le faide intestine e che tutta la coalizione lavori affinché le proposte siano nomi che raccolgano le esigenze cittadine di cambiamento. Tra le fila dei sostenitori del PD ci si auspica che questa richiesta non sia appannaggio invece della protesta raccolta dal M5S.