8 Febbraio 2024

Pozzuoli, arrestati padre e figlio: trovati 8 kg di droga

simone concorsi

Denunciato tiktoker Michele Napolitano, Alessio Melillo ucciso, donna gola tagliata, Cercola pretendeva pranzo cena, Omicidio Torre Annunziata , Casalnuovo arrestati padre figlio, Pozzuoli arrestati padre figlio, Giugliano rom evaso, Irregolarità concorso pubblico, Acerra uomo bruciato vivo, Qualiano sequestrato panificio, Agropoli marito moglie morti, Caivano Alto Impatto, Frattamaggiore ladri devastano Flames, Giugliano minacce suora, Secondigliano officina abusiva, mondragone bimba abbandonata

Padre e figlio di Pozzuoli son stati arrestati perché trovati in possesso di 8 kg di droga che custodivano nella propria cantinola. I Carabinieri della Compagnia locale, insieme a quelli del Reggimento Campania e del Nucleo Cinofili di Sarno, li hanno arrestati durante un servizio coordinato di controllo del territorio.

Pozzuoli, arrestati padre e figlio: le indagini dei Carabinieri

Come anticipato, padre e figlio, rispettivamente di 54 e di 26 anni, son stati arrestati dai Carabinieri di Pozzuoli perché trovati in possesso di 8 kg di droga; nel dettaglio, la sostanza stupefacente in questione era hashish suddivisa in 84 panetti di droga. La sostanza, come si apprende da InterNapoli, era nascosta in cantina in un soppalco.

Inoltre, a seguito delle perquisizione nella casa ritrovato un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento delle dosi e 1 proiettile calibro 38 special. Nelle disponibilità degli uomini trovati anche 7.550 euro, denaro ritenuto provento di attività illecite. Sempre come si legge, la droga sarà conservata all’interno di un deposito per il tempo necessario alle perizie e al prelievo di piccoli campioni per uso processuale. Successivamente il giudice ne ordinerà la distruzione.

Padre e figlio condotti in carcere, sono ora in attesa di essere ascoltati dall’autorità giudiziaria competente.

La redazione di NapoliZon ti suggerisce di leggere anche: Pozzuoli, estorcevano denaro per lavori di condominio: arrestati

Se vuoi supportare il progetto editoriale ti invitiamo a mettere mi piace alla pagina Facebook di NapoliZon.