19 Marzo 2021

Pomodoro pelato IGP: é guerra tra le regioni Campania e Puglia

Pomodoro pelato IGP

Pomodoro pelato IGP; è la seconda “guerra agroalimentare” combattuta tra le regioni Campania e Puglia dopo il caso della mozzarella

Una nuova questione agro-alimentare ha fatto si che la Regione Campania si scontrare con la Puglia. Si tratta della questione della richiesta per il marchio IGP del pomodoro pelato di Napoli.

A darne notizia è il Corriere di Napoli.

In seguito alle richieste provenienti dalla Campania, i produttori del pomodoro lungo della provincia di Foggia hanno deciso di far causa chiedendo aiuto alla giunta comunale.

L’obiettivo della società Anicav è di riferire che la produzione del pomodoro pelato avvenga a Napoli nonostante la produzione coinvolga anche la Puglia, l’Abruzzo, il Molise e la Basilicata.

Savino Muraglia, presidente della Coldiretti Puglia, ha espresso le sue idee allo scontro agro-alimentare tra le due regioni:

“Bisogna uscire dalla grande ambiguità di commercializzare un prodotto che può fregiarsi di un marchio comunitario così fortemente distintivo. Senza che ci sia alcun obbligo di utilizzare i prodotti agricoli del territorio al quale l’indicazione si ispira».

In passato, le due regioni si sono scontrate per la mozzarella vista la produzione di questo latticino anche a Gioia del Colle. La disputa si è risolta con il riconoscimento dell’Unione Europea anche nelle zone di produzione in Puglia (Bari e Taranto) e anche in Basilicata (Matera).

Seguici su Napoli.ZON e sulle nostre pagine social Facebook, Instagram, Twitter e su Telegram

Ti potrebbe interessare: Gatto variante inglese: può trasmettere il contagio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.