Pomigliano d’Arco: aggressione ai danni dell’assessore allo sport

Pomigliano d'Arco

E’ avvenuta questa mattina l’aggressione ai danni dell’assessore Gianfranco Mazia. Tuttora ignota la natura del gesto; non si esclude il movente politico

Questa mattina, intorno alle ore nove, si è verificato l’ennesimo spiacevole episodio in pieno clima di campagna elettorale: l’aggressione, a opera di sconosciuti, ai danni di Gianfranco Mazia, attualmente assessore allo sport della città di Pomigliano d’Arco. L’uomo, secondo le ricostruzioni, sarebbe stato colto alle spalle dai due aggressori, i quali avrebbero lasciato intendere di volersi impossessare esclusivamente del cellulare e del portafogli, peraltro prontamente consegnati da Mazia senza opporre resistenza alcuna. La rapina, andata a buon fine, ha però avuto un tragico epilogo: i due rapinatori hanno infatti pestato a sangue l’assessore, fino a lasciarlo esanime a terra.

Il cinquantaduenne di Pomigliano d’Arco, prontamente soccorso dal 118, è stato trasportato dall’autoambulanza presso l’ospedale di Nola. Frattura al naso, ad un’orbita oculare, alla mascella e alle costole, contusioni intrapolmonari: è attualmente questo il quadro clinico di Gianfranco Mazia, ancora in stato di shock.

Restano tuttora sconosciute le cause dell’aggressione; le autorità competenti, che da stamane sono al lavoro per far luce sull’accaduto non escludono la natura politica dell’aggressione. A Pomigliano d’Arco è infatti in corso la campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale.