Catturato Robert Lisowski, 32enne polacco in prigione per omicidio. L’uomo era evaso dal carcere di Poggioreale domenica mattina, utilizzando il sistema delle lenzuola annodate

NAPOLI – Dopo soli due giorni di evasione dal carcere di Poggioreale, Robert Lisowski è stato catturato. Il detenuto polacco, di 32 anni, si trovava in prigione per omicidio ed era fuggito, domenica mattina, utilizzando un vecchio – ma efficace – sistema: calandosi giù per il muro con una fune realizzata con lenzuola annodate.

Le indagini, subito scattate al momento dell’evasione e coordinate dalla Procura della Repubblica, si sono concluse poco dopo le 22.00 di ieri sera. Gli uomini della squadra mobile della questura partenopea lo hanno avvistato in strada a corso Garibaldi, angolo via Camillo Porzio.

«Sono orgoglioso delle donne e degli uomini della Questura, che hanno lavorato con impegno e professionalità straordinari. Questa cattura è inoltre frutto di una perfetta sinergia e di un efficace scambio di informazioni con i colleghi dell’Arma dei Carabinieri», ha commentato il questore di Napoli, Alessandro Giuliano.

Il 32enne polacco si trovava nella Casa Circondariale di Poggioreale dal 5 dicembre con l’accusa di aver assassinato un cittadino ucraino. Un’evasione, la sua, maestosa e cinematografica: erano circa 100 anni che non accadeva.

La fuga ha, tuttavia, acceso inevitabili polemiche riguardo la scarsità di personale e il sovraffollamento – che a Poggioreale raggiunge cifre record.

Resta aggiornato, seguici su Facebook. CLICCA QUI.