Piscina in città: un tuffo nella fontana di viale Dorhn

piscina
Immagine tratta da anteprima24

A Napoli quando fa caldo si cerca refrigerio in piscina, peccato si tratti della fontana di viale Dorhn appena riattivata

Viale Dorhn, Napoli: la fontana si trasforma in una piscina a due passi dal mare. Venerdì, 7 giugno è stata segnalata, tramite un video pubblicato sui social, la sorte cui è stata destinata Napoli. Un’immagine vergognosa per la città, sintomo di un degrado che troppe volte non viene combattutto, in primis dalle forze dell’ordine, grandi e ingiustificate assenti della giornata.

É oltremodo assurdo che, a pochi giorni dalla sua riattivazione, in vista dei lavori di riqualificazione per le Universiadi, la fontana sia già stata trasformata in una piscina per il refrigerio. Che siano napoletani, turisti, passanti, non importa. Questo gesto è un chiaro segnale di un’inciviltà mai giustamente condannata. E così, anno dopo anno, lo scempio si ripete e la gente neanche più si meraviglia, anzi. Resta inerme a filmare gli attori di una triste commedia per postarla in rete, come se i commenti da tastiera fossero poi vere multe da pagare. E se invece del mondo del web si avvisasse la polizia? Magari gli incivili il bagno lo farebbero al mare o perchè no, in piscina, una vera però!

Articolo precedenteUniversiade 2019 è già record: 3500 biglietti venduti in 24h
Prossimo articoloArriva la truffa delle finte sigarette: fate attenzione
Avatar
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.