10 Luglio 2021

Pedopornografia online: nuovi arresti e denunce

pedopornografia

Pedopornografia online: un arrestato e sette denunciati nell’ambito di una nuova inchiesta. Sfruttamento sessuale di minori su una nota App

La Polizia di stato sta conducendo una nuova inchiesta sulla pedopornografia online.

Dalle indagini sono venuti fuori un arresto e 7 denunce tra le province di Napoli, Roma, Foggia e Cosenza, come riportato dal comunicato stampa.

La Polizia Postale di Napoli ha denunciato 7 persone ritenute responsabili di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico su una nota App di messaggistica istantanea.

L’attività di indagine, coordinata dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma – Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia Online (C.N.C.P.O.) e diretta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – IV Sezione – Fasce Deboli, è scaturita in ambito di cooperazione internazionale di polizia da una segnalazione del collaterale canadese.

A seguito delle perquisizioni eseguite presso le abitazioni degli indagati, sono stati sequestrati numerosi dispositivi. Sono emerse varie immagini e diversi video relativi ad abusi e violenze su minori.

Gli investigatori della Polizia Postale di Napoli, inoltre, nell’ambito di un’analoga attività di indagine, hanno tratto in arresto un cittadino straniero residente in provincia di Cosenza.

L’uomo è responsabile della detenzione di ingente quantitativo di materiale pedopornografico reperito online e scambiato con altri utenti.

La pedopornografia online resta ancora un tema caldo e non si esclude che le indagini in corso possano portare alla luce altro materiale non ancora recuperato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.