Palazzo Reale e Girolamini, il bando di selezione per i direttori

Palazzo reale
Il Palazzo Reale di Napoli

È online il bando di selezione internazionale per l’incarico di direttore in due istituti della Campania: Biblioteca e Complesso monumentale dei Girolamini e Palazzo Reale

NAPOLI, 29 GENNAIO – Si cercano direttori per la Biblioteca e Complesso monumentale dei Girolamini e per il Palazzo Reale di Napoli. Il bando è stato pubblicato oggi dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

Sono tredici, in tutto, gli istituti autonomi presentati questa mattina in conferenza stampa dal Ministro Franceschini messi a bando con la procedura di selezione online. Due di essi sono in Campania.

Il primo è la Biblioteca e Complesso Monumentale dei Girolamini, una delle più importanti istituzioni culturali partenopee. Edificato tra 500 e 600, il complesso comprende la Chiesa, la Quadreria – colma di opere pittoriche del 600 napoletano – e la Biblioteca oratoriana, frequentata a lungo dal filosofo Giambattista Vico.

L’altro istituto campano è il celebre Palazzo Reale, fondato come palazzo del re di Spagna Filippo III d’Asburgo nell’anno 1600. Oggi, in gran parte è destinato a Biblioteca Nazionale; l’ala più antica sul Cortile d’Onore, ricca di testimonianze storico-artistiche dal Seicento all’Ottocento, è adibita a Museo dell’Appartamento Storico.

Ministro Franceschini: “Autonomia e qualità dei direttori, mix vincente per musei e territori”

Così ha dichiarato, in Conferenza Stampa, il Ministro Franceschini: «Grazie a questo nuovo bando tredici importanti realtà del patrimonio culturale italiano avranno un direttore selezionato tra i massimi esperti nazionali e internazionali».

Continua il Ministro: «Come nelle precedenti edizioni, i nuovi direttori saranno valutati da una commissione composta da esperti di chiara fama e elevato livello scientifico. Ancora un passo avanti nel percorso di innovazione e modernizzazione del sistema museale nazionale. I dati registrati negli ultimi anni parlano chiaro: l’incrocio tra autonomia e qualità dei direttori si è dimostrato un mix vincente per i musei e per lo sviluppo dei territori».

Le candidature

Come fare per candidarsi? Gli interessati alla direzione di questi istituti dovranno presentare la propria candidatura entro le ore 12:00 del 3 marzo 2020, allegando il proprio curriculum vitae e una breve lettera di presentazione in italiano e in inglese.
Le candidature saranno esaminate da una commissione di valutazione composta da 5 membri individuati tra esperti di chiara fama nel settore del patrimonio culturale nominati dal Ministro.
I candidati più idonei verranno convocati per un colloquio all’esito del quale la commissione individuerà una terna di candidati per ogni struttura. Questi ultimi saranno sottoposti al Ministro e al Direttore generale Musei.
L’incarico avrà una durata di 4 anni e può essere rinnovato per altri 4 anni.
SEGUICI SU NAPOLI.ZON – CLICCA QUI.