6 Giugno 2020

Ospedale Covid di Boscotrecase, arrestati i vandali che danneggiarono il pronto soccorso

frattamaggiore ospedale covid violavano i domiciliari

Intimavano di curare per primo il genero di un boss, arrestati i due uomini colpevoli di aver vandalizzato mesi fa l’ospedale Covid di Boscotrecase

Avevano danneggiato l’ospedale Covid-19 di Boscotrecase, intimando i medici di dare priorità alle cure di un loro parente. Dopo un mese, le Forze dell’Ordine hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di due uomini, (Giovanni Ippolito, 41 anni, e Nunzio Acunzo, 39).

Il fatto risale al 6 maggio: Giuseppe Carpentieri, membro del clan camorristico dei Gionta e genero del boss Valentino Gionta, aveva riportato diverse ferite a seguito di un agguato di camorra. Portato al Pronto Soccorso della struttura ospedaliera del comune partenopeo, era stato ricoverato.

Nonostante ci fossero diversi pazienti con il Coronavirus, Ippolito e Acunzo avevano minacciato i medici di curare prima il loro familiare. Per dimostrare che “non scherzavano”, i due uomini avevano vandalizzato l’ospedale Covid di Boscotrecase. Avevano quindi causato gravi danni e limitando le capacità operative del presidio a alla cura del Coronavirus.

Attraverso le immagini riprese dalla videosorveglianza, i Carabinieri hanno trovato i colpevoli. Oggi, come riporta ANSA Campania, le Forze dell’Ordine hanno emesso nei loro confronti ordinanze di custodia cautelare. I due uomini sono quindi sottoposti al regime di arresti domiciliari e in attesa della condanna.

Leggi anche: Coronavirus in Campania, ancora zero contagi.

Per ulteriori notizie su cronaca, attualità, cultura, sport e approfondimenti sull’emergenza Coronavirus in Campania e in tutta Italia continuate a seguirci sul sito o sulla pagina Facebook!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.