NAtivity Experience, arriva la mostra che unisce il presepe alla tecnologia

NAtivity Experience
foto tratta da la Repubblica.it

NAtivity Experience, arriva la mostra che unisce l’arte presepiale alla tecnologia. Il pubblico sarà protagonista dell’evento

Si chiama NAtivity Experience, l’evento dedicato all’arte natalizia napoletana che si terrà nella Chiesa di San Biagio Maggiore di via San Gregorio Armeno.

Difatti il 1 dicembre alle ore 16:00 partirà questa mostra volta ad unire la realtà virtuale con l’arte presepiale partenopea.  Ovvero valorizzare la città di Napoli con le sue svariate tradizioni con i linguaggi moderni.

Per questo motivo il nome NAtivity fusione di “NA” come Napoli e Natività.

L’ideatore dell’evento è l’imprenditore Enrico Napolitano, che ne ha curato la produzione e lo sviluppo tecnologico.

Pertanto, come afferma Ansa.it, questa valorizzazione della città ha catturato l’attenzione di Dario Varsalona, event planner partenopeo, sempre attento alle mutazioni e alle necessità della città.

Inoltre il pubblico non starà solo a guardare ma sarà il protagonista principale dell’evento. Si inizierà con la leggenda di Benino, il pastore dormiente, a cui nella Bibbia gli angeli annunciano la nascita del Bambin Gesù.

Il pastore sarà la voce narrante del viaggio virtuale attraverso il presepe, dall’osteria ai banchi della frutta fino ad arrivare alla magia della capanna. Durante il viaggio si conosceranno tutti i personaggi simbolo della tradizione.

Tuttavia sarà possibile partecipare ad uno spettacolo intitolato“Originalità di Pulcinella” di video mapping e visionare i presepi di Alessandro Starini e Pino Aprea dell’associazione italiana Amici del Presepe.