Napoli, sul treno senza biglietto e picchiano il capotreno

napoli

La violenza a Napoli non va in vacanza. Quest’oggi la vittima è stata un capotreno che svolgeva semplicemente il proprio dovere

La violenza a Napoli non va in vacanza. Quest’oggi la vittima è stata un capotreno che svolgeva semplicemente il proprio dovere.

Il capotreno ha soltanto invitato due minorenni, senza biglietti, a scendere dal treno ma gli stessi si saranno sentiti offesi dall’uomo che stava soltanto svolgendo il proprio compito e lo hanno picchiato per poi danneggiare anche il convoglio.

Il triste evento ha avuto luogo alla stazione di Agnano della ferrovia Cumana. I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno colto in flagranza di reato i due ragazzini (un 16enne e un 15enne) entrambi residenti a Napoli. Tra i capi di accusa: resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale e non solo.

Il fatto. I due minorenni, in compagnia di altri ancora in via di identificazione, appena giunti nella stazione e scesi dal treno i hanno lanciato sassi contro il parabrezza del vagone di testa del treno rompendolo e picchiato il capotreno che aveva cercato di fermarli, provocandogli lesioni guaribili in 30 giorni.

Gli arrestati sono stati portati nel centro di prima accoglienza Colli Aminei, a disposizione dell’autorità giudiziaria.