Napoli sotterranea, truffa milionaria all’erario



napoli sotterranea

Truffa da 30 milioni di euro all’erario da parte di chi gestisce i sottosuoli della Napoli sotterranea: indagine della finanza

Si calcola un danno erariale di 30 milioni di euro dovuto alla cattiva gestione delle cavità della Napoli sotterranea.

Un ammanco che si sarebbe accumulato negli ultimi 10 anni per aver concesso il fitto di una trentina di cavità del sottosuolo napoletano a prezzi irrisori e in alcuni casi anche gratis.

Gli spazi del sottosuolo, un tempo utilizzati come rifugi antiaerei, sono infatti gestiti da esercizi commerciali o associazioni culturali.

I finanzieri, su delega della Procura della Corte dei Conti della Campania, stanno indagando sulla vicenda.

La magistratura contabile ha già emesso atto di “invito a dedurre” nei confronti  di 9 dirigenti, attuali e pro tempore, dell’Agenzia del Demanio responsabili dell’ingente danno erariale.

I dirigenti in questione dovranno ora dare spiegazioni, ciascuno per il proprio periodo di permanenza in carica, della mancata regolarizzazione dell’occupazione degli spazi del sottosuolo di Napoli.

 

 

 

 

Leggi anche