28 Gennaio 2023

Napoli Roma Spalletti in conferenza stampa: questo è scontro diretto

Napoli Roma Spalletti in conferenza stampa: un passo alla volta, quella di domani al Maradona rappresenta uno scontro diretto.

Torino Napoli Spalletti

Napoli Roma Spalletti durante la consueta stampa pre partita fa il punto della situazione sulla sfida di domani sera al Maradona dove gli azzurri incroceranno i giallo rossi di Jose Mourinho nel primo incontro del girone di ritorno.

Napoli Roma Spalletti, le parole del mister in conferenza stampa:

In cosa si differenzia questa partita dalle altre?
“In pochissime cose, ogni partita è difficile, questa di più per quel discorso su quel condominio (candidate allo Scudetto, ndr) che facemmo tempo fa. E’ uno scontro diretto in funzione dei condomini di quella roba lì, e sarà una gara tutta da gustare tatticamente e come individualità ed i 3 punti sono sempre un bottino da portare a casa”

Usa la bici, il Napoli che tipo di ciclista è? Il Napoli avrà modo di girarsi e controllare gli avversari alle spalle?
“Un ciclista che sa di doversi confrontare con altri altrettanto forti, se non più forti, e deve imparare a stare dritto sui pedali, mai seduti perché si spinge meno e c’è da pedalare forte fino in fondo”.

Si riconosce nell’articolo di Dotto sui suoi giocatori?
“Io non ho avuto modo di leggerlo, però mi fa piacere”.

Con 12 punti di vantaggio sulla seconda l’allenatore cosa deve fare?
“Dice bravi ai calciatori per l’ultima partita a Salerno, in una situazione non facile perché è sempre un derby e ricordiamo la fatica fatta l’anno scorso, la difficoltà nel passare avanti nel primo tempo, poi la Salernitana ha vinto a Lecce. Quindi, bravi! I risultati degli altri non dipendono da noi e quindi dobbiamo avere sempre lo stesso comportamento, fatto di grandi partite, comportamenti umili, attenzione nel fare un passo alla volta, concentrandoci nella postura del passo e dove si mette il piede. Pensiamo al lavoro quotidiano, senza guardare oltre. Nessuno deve avere un comportamento leggero, ma comportamento serio e professionale”.

Che Roma si aspetta? Difensiva come all’andata o più intraprendente?
“Una Roma che ha grandi calciatori, un allenatore molto pratico e concreto che riesce a far capire bene i comportamenti nella partita. Hanno calciatori di gamba, non bisogna mai pensare di gestire la partita, di averla in mano o all’inerzia, loro hanno calciatori tipo Dybala che sfruttano la gamba dei compagni negli spazi e ti impongono di andare a ricomporti la fase difensiva distante da dove l’hai persa e sono rischi a cui dobbiamo stare attenti. Sanno far correre palla e sanno anche corrergli dietro, sono concreti, sanno cosa vogliono, scegliendo bene gli episodi che portano vantaggi ed in quegli episodi danno tutto. E’ una gara pericolosa se non si è bravi a mantenere l’equilibrio, facendo la partita se ci si riesce, ma anche restando in ordine”.

A quanto è fissata la quota Scudetto?
“Non lo so, non è il mio modo di parlare, è un conto che non so fare, non ero bravo in matematica. Io so fare quelli semplici, se si vince siamo a 53!”

In vista della Champions ha bisogno di far salire il minutaggio di 15-16 giocatori?
“Il minutaggio lo fanno la mattina dopo, chi non gioca deve andare più forte e organizziamo una partita con la Primavera per fargli fare una gara vera, come altre volte in inferiorità numerica per poter andare più forte perché anche la Primavera ha calciatori da Napoli, sta facendo molto bene ed è ben allenata”.

La Roma fa il 40% dei gol sulle palle inattive? Cambierà qualcosa o è attenzione?
“La Roma è addestrata bene per prendere vantaggi in ogni situazione, aiutati dalla fisicità, ma anche da un tecnico pragmatico ed esperto, trae risultati dai piazzati e noi lo sappiamo, noi conosciamo loro e loro conoscono noi, sappiamo qualità e caratteristiche e dovremo essere bravi a mettere dentro le nostre caratteristiche”.

Totti ha dichiarato che gli farebbe piacere riparlare con lei. Vale lo stesso per lei?
“Certo, se lui ha piacere nel parlare con me, perché dovrei fare qualcosa di differente? Anche io avrei piacere”.

La gara si prepara da sola ma ora a +12 è più difficile agire sulla testa?
“No, proprio per aver creato questo vantaggio sono intelligenti, non corriamo il rischio di essere meno attenti o meno pignoli, poi se qualcuno si lasciasse un po’ cullare poi domenica quando vede la Roma e Mourinho davanti si rimettono a posto i pensieri perché davanti hanno top team, calciatori e coach, se non sei subito top pure tu rischi di fare brutta figura”.

La Roma ha fatto 4 clean sheet nelle ultime 5, servirà anche pazienza?
“Quando vai a giocare nello stretto della trequarti, se non rimani in ordine o se perdi troppi palloni senza pazienza nel muovere il pallone poi le corse per riconquistare palla aumentano. La pazienza servirà per non perdere troppi palloni sulla trequarti, qualcuno sarà inevitabile ma dovremo palleggiare in sicurezza o perderli dietro la linea e non sui piedi per non essere sbilanciati”.

Sulle griglie estive, il suo lavoro e quello di Mourinho.
“Noi non ci ritenevamo inferiori a nessuno, abbiamo cominciato a lavorare parlando di squadra che doveva migliorare la posizione del campionato precedente, si lavora così. La società per prima ha indicato il percorso per soddisfare i tifosi, siamo partiti e durante il viaggio dobbiamo far bene passo per passo, senza farci distrarre dai panorami perché ce ne sono tanti ma poi si inciampa e si finisce come me con infortuni”.

Chi ti ha impressionato di più tra Mario Rui, Di Lorenzo, Kim, Kvara, Lobotka e Osimhen? 
“Anche Rrahmani, Lobotka, Lozano e Politano hanno fatto quello che dovevano, Zielinski sempre preciso e tecnico, Elmas che dà sempre il contributo. Sono contento di tutti”

Sull’arrivo di Gollini.
“E’ un portiere molto forte, ha avuto un momento di flessione perché da un titolarissimi lanciato per grande squadre s’è ritrovato a doversi sedere in panchina, quindi deve ritrovare tranquillità e poi se ne trarrà beneficio tutti perché fisicamente e tecnicamente e come copertura porta è un portiere forte. Siamo contenti”

A termine della conferenza stampa: “Devo fare gli auguri a Mourinho. Non mi ha invitato, ci sono rimasto male, mi sarei presentato col regalo. Lui è uno di quelli che alza il livello del calcio nella sua globalità, complimenti ed auguri”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE IL SEGUENTE ARTICOLO: Calcio Napoli: il club invia un messaggio a Traorè.