Napoli-Inter: poker azzurro al San Paolo. LE PAGELLE



Napoli-Inter: gli azzurri salutano il San Paolo con una super prestazione. Le pagelle

Karnezis  6,5: talismano.Con il numero 27 in porta, Il Napoli non ha mai perso. Grande intervento nel seconso tempo su D’Ambrosio e reattivo in più occasioni. Non puó evitare il clean sheet solo a causa del rigore procurato da Albiol.

Malcuit 7 Un primo tempo straripante con un’ottima prestazione in fase difensiva. Pulite le diagonali e puntuali i suoi interventi, cui va ad aggiungersi una buona spinta offensiva sulla fascia destra.

Albiol 7 ordinato come sempre, contiene bene le offensive avversarie. L’unica macchia sulla prestazione è il fallo che assegna il rigore ai nerazzurri a risultato, però, gia acquisito.

Koulibaly 10-Razzismo 0, conferma con estremo merito il premio di miglior difensore della Serie A. Un muro davanti alla porta, terzino aggiunto, regista dalle retrovie. Kalidou tuttofare. Salva il Napoli trasformandosi in portiere: legge in anticipo la traiettoria e si oppone al gol del possibile 2 a 1. Il gigante senegalese si riprende la scena dopo il triste episodio di Milano. Esce all’84esimo un po’ acciaccato nella calorosa stending ovation del San Paolo. Diffidato, salterà l’ultimo match della stagione.

Ghoulam 6.5 appare in ripresa dopo qualche uscita poco brillante. Corre, supera e crossa. Accompagna bene l’azione offensiva inserendosi tra le linee. Tenta una conclusione purtroppo imprecisa. Fino al 90esimo spinge sull’acceleratore e serve Insigne che manca la conclusione. In difesa è poco impegnato grazie alla presenza di Koulibaly in copertura.

Callejon 7 Prestazione solida del nostro motorino di centrocampo che difende e imposta la manovra offensiva con gran precisione e classe. Una perla il suo assist per il raddoppio di Mertens, pescato nell’area avversaria con un millimetrico lancio lungo a scavalcare i due difensori.

Allan 6.5 Il guerriero è tornato: non sappiamo se per molto, ma il brasiliano ha lanciato un segnale importante in questo finale di stagione. Dopo l’ottima prestazione di Ferrara, Allan si ripete al San Paolo ruggendo su ogni pallone come ci aveva abituati sino alle fastidiose voci di mercato di gennaio, che molto hanno influenzato le sue prestazioni negli ultimi mesi.

Fabian Ruiz 8.5 prestazione convincente del giovane talento spagnolo, che è praticamente inarrestabile quando parte in progressione palla al piede. Ottime le verticalizzazioni a cercare le punte ed è impresa impossibile riuscire a sottrargli il pallone, che sembra incollarsi sui suoi piedi e sul manto erboso del San Paolo. Suoi il terzo ed il quarto gol.

Zielinski 6.5 dr Jeckill e Mr Hyde. Primi 45 minuti di alto livello per il centrocampista polacco, che imposta e costruisce per la squadra con grande determinazione. Al minuto numero 16 lascia partire un siluro da fuori area che si insacca alle spalle di Handanovic e regala agli azzurri la rete del momentaneo vantaggio.

Mertens 7 Non è una prima punta di ruolo, ma segna anche di testa. È questo il messaggio che da qualche settimana a questa parte il folletto belga sta recapitando agli addetti ai lavori. Raggiunto anche Attila Sallustro nella classifica marcatori all time.

Milik 5,5 Difficile giudicare la sua prestazione questa sera. Il polacco si vede poco in area, come a Ferrara, ma stavolta sono almeno tre le chiare occasioni da rete che il polacco non riesce a sfruttare facendosi puntualmente anticipare da Miranda e Skriniar.

Leggi anche