Napoli e il giardino segreto: le ricchezze della Certosa

GIARDINO

Il giardino della Certosa di San Martino, un tesoro che tutti dovrebbero vedere

La Certosa di San Martino è una delle architetture maggiormente visitate a Napoli. Collocata sulla collina del Vomero, costituisce uno dei maggiori complessi monumentali religiosi della città. Ciò nonostante, sono in pochi a conoscere l’emozione che si prova a visitarne il giardino. Sedersi sotto il baldacchino, dopo aver percorso l’antico camminamento dei monaci e riempire i propri occhi della vista di Napoli, è davvero un lusso per pochi.

I giardini pensili della Certosa sono infatti chiusi al pubblico, sebbene siano stati dichiarati, nel 2010, bene di interesse storico e artistico. Attualmente però, non manifestano appieno le proprie potenzialità scenografiche. I percorsi interni sono sconnessi, il pergolato pericolante e il parapetto della bella terrazza inizia a sgretolarsi. Servirebbe proprio una giovane Mary Lennox che ridia vigore al tutto.

Nel frattempo, i pochi conoscitori di questa meraviglia cercano di godersela il più possibile. La visitano in segreto nella speranza che, un giorno non lontano, il Posto potranno vederlo di giorno, senza paura che il tempo lo spazzi via.

Articolo precedenteDe Magistris sul caso Di Maio: “Attacco eccessivo”
Prossimo articoloOttaviano, a fuoco la baita di Babbo Natale. E’ caccia ai colpevoli
Sarei Acciaio, se fossi un materiale, intendo. Se potessi scegliere quale, sarei acciaio inox, brillante luminoso e resistente - anche alla corrosione - che, seppur non avanguardista come il corten, è sempre adatto, in ogni occasione. Invece sono una semplice lega ferro-carbonio, ma mi piaccio così: - ho la giusta percentuale di carbonio, quella che riesce a mediare fragilità e duttilità e quindi mi snervo, mi incrudisco e spero di non spezzarmi mai; - sono resiliente - sono instabile a volte, specie se mi arriva un forte colpo dall'alto, ma di solito, dopo un attimo di assestamento, torno in me e resisto; - ho mille sfaccettature e forme, posso essere una barra, un profilato o una lamiera; - sono attratta dai miei simili, che siano giunti o giunzioni e quei pochi che mi ispirano di più li tengo ben saldi a me; - so stare sola, ma splendo di più accanto al vetro o a dei pannelli di castagno; - amo il caldo e pure il freddo non mi spaventa, mi adatto a tutte le situazioni; - sono tenace e anche leggera. Se fossi un materiale sarei Acciaio e ora sapete anche il perché.