Napoli, donna partorisce e vende il proprio figlio per il permesso di soggiorno

permesso di soggiorno, vendita figlia
Fonte: Internapoli

Napoli, donna partorisce al “San Paolo” e vende il suo neonato per avere il permesso di soggiorno. Il piccolo adesso si trova in una casa famiglia

Conviveva con un pregiudicato a Ponticelli, la donna che lo scorso Marzo ha partorito all’ospedale “San Paolo” facendo bloccare subito le pratiche per la registrazione del neonato. La sua intenzione era quella di far riconoscere il figlio ad un uomo che le avrebbe poi venduto il permesso di soggiorno. La “compravendita” è stata per fortuna subito bloccata dagli agenti del capitano Giuseppe Cortese, che hanno portato il piccolo in una casa famiglia.

La donna viveva con l’uomo e altre sue 6 figlie, così come riportato da “Il Mattino”, due delle quali riconosciute da due marocchini pregiudicati. La famiglia viveva in condizioni precarie: hanno vissuto per un lungo periodo in auto per poi trasferirsi successivamente in un deposito dalle condizioni igieniche disastrose, situato nella zona orientale di Napoli. Situazione alquanto tragica per le 6 bambine, che infatti hanno mostrato segni di malnutrizione e problemi a relazionarsi. Dopo aver evitato così un’azione orribile come quella di vendersi l’ultimo arrivato, anche le altre figlie sono state portate in una struttura protetta.