Napoli: che cosa sta succedendo?

napoli
Il Napoli non ha mai avuto tanti soldi eppure non riesce ad accontentare il suo allenatore

Che cosa sta succedendo? Il Napoli non ha mai avuto tanti soldi da spendere, nemmeno ai tempi d’oro, eppure non riesce ad accontentare il suo allenatore

Dopo il no, l’ennesimo, di Tolisso,  o meglio del suo presidente, quel Jean Michel Aulas che pare divertirsi un mondo a fregare il Napoli, e a fargli perdere un mucchio di tempo.

Molti ricorderanno la pagliacciata Gonalons, il giocatore sicuro di trasferirsi, il desiderio di Benitez di averlo alle sue dipendenze e Aulas, il presidente del Lione, che un giorno accettava e quello dopo rifiutava le proposte del Napoli.

Stessa storia del Tolisso, il ragazzo era tranquillo, il Napoli era arrivato ad offrire 37 milioni, bonus compresi, le visite mediche preparate e alla fine non se ne fa più niente.

Fosse un caso isolato, diremmo solo che Aulas è una persona scorretta e stupido De Laurentiis che ancora prova a fare affari con lui, purtroppo però le cose non stanno così.

Tra giocatori che cercano di scappare e altri che si rifiutano di venire, questa estate così ricca, economicamente, rischia di diventare poverissima, dal punto di vista tecnico.

Maurizio Sarri ha già effettuato la prima parte del ritiro, ma senza avere la minima idea di quale sarà il proprio undici di partenza.

La vera speranza dei tifosi azzurri è che almeno Koulibaly resti, o De Laurentiis si faccia spiegare da Aulas come si fa a costringere i giocatori a non cambiare casacca.

Questo doveva essere l’anno della consacrazione di Maurizio Sarri, del ritorno in Champions, del rinnovato scontro con la Juventus per il campionato, invece la Juve chiude un acquisto dopo l’altro, senza badare minimamente a spese, con grandi giocatori che pur di trasferirsi nell’umbratile capoluogo Sabaudo sarebbero disposti a nascondersi nelle stive della navi, mentre per venire a Napoli sembrano non bastare mai soldi e prestigio, manco si trattasse di giocare in India, e persino lì, qualcuno ci si è trasferito volentieri.