Moviemmece, arriva il cinefestival della biodiversità a Napoli

Moviemmece
Moviemmece, arriva il cinefestival della biodiversità a Napoli

Moviemmece, la terza edizione del cinefestival è in arrivo a Napoli. Apre le danze uno spettacolo teatrale al Nest di San Giovanni a Teduccio

Moviemmece è il nome del cinefestival dedicato alla biodiversità del cibo e delle culture che si terrà a Napoli dal 25 ottobre al 3 novembre.

L’evento è stato organizzato dalle associazioni Fuori dal Seminato e Gioco Immagine e Parole in collaborazione con  Art33 (cultural hub) e Ex Asilo Filangieri. 

Arrivato alla sua terza edizione, l’evento inizierà prima con uno spettacolo teatrale al Nest di San Giovanni a Teduccio.

Venerdì 18 ottobre alle ore 21:00, presso la sala del Nest, si terrà lo spettacolo “LA MASA MADRE” di Dario Tamiazzo e Ettore Nigro.

Lo spettacolo nasce dall’intuizione dell’attore Dario Tamiazzo che, durante la sua permanenza a Buenos Aires, ha studiato e approfondito il mondo dei fornai porteños e l’uso della pasta madre. Successivamente grazie ad  Ettore Nigro, che ha firmato la regia, lo spettacolo ha assunto la sua forma definitiva a Napoli.

Inoltre lo spettacolo ha girato il mondo: da Napoli a Padova fino all’Expo di Milano, da Parigi a Witten a Madrid, da Zurigo a Caracas fino al Festival internazionale di Bogotà.

“La masa madre” narra di Sante, un ragazzo che vuole realizzare il suo sogno di diventare fornaio e lotta per mantenere viva la pasta madre che ha ereditato dal nonno.

Pertanto la storia è un inno alla resistenza alimentare, contro l’industrializzazione selvaggia dei processi che porta alla perdita delle tradizioni gastronomiche, contro la manipolazione dei cibi e dell’essere umano.

Tuttavia lo spettacolo mira a rendere più consapevoli e critici gli spettatori nella scelta degli alimenti. Al termine della messinscena è previsto un dibattito col pubblico.

Per assistere allo spettacolo bisogna prenotare il biglietto e ci sarà la possibilità di degustare il pane con olio “Sole di Cajani” di Caggiano, il tutto a 10 euro.