17 Aprile 2024

Morto Salvatore Liguori: lascia moglie e un figlio di 3 anni

E' lutto nella famiglia del Teatro Totò.

Immagine di repertorio

Gricignano d'Aversa Rebecca muore, Mugnano luigi muore, Incidente Villa Literno, Giugliano Antonio Russo, Aversa Filomena, Procida mustafa muore, Mugnano scomparsa Virginia, fuorigrotta rita granata, Carinaro Marco muore, Massa Lubrense Maria muoreSan Gennaro Vesuviano Roberto, Marano Salvatore muore, Antonella Muore, Mugnano Maurizio muore, Morto Umberto Noviello, muore 18 anni, Morto Salvatore Liguori, Mugnano Jonathan muore, Vincenzo Garzillo, Dugenta Chris muore, Mugnano Biagio muore, Casoria muore Renato, Giugliano Luigi muore, giampiero muore, Muore 42 anni, Pozzuoli , Lucia muore, Addio Nicola Barbato, Morto Akira Toriyama, Mugnano, Roberta muore

Un grave lutto ha colpito la famiglia del Teatro Totò: è morto Salvatore Liguori. Ha combattuto strenuamente e con accettazione una brutta malattia. Tuttavia, non ce l’ha fatta: questa mattina alle cinque si è spento all’età di 37 anni. Salvatore lascia la moglie e un figlio di 3 anni.

Morto Salvatore Liguori: chi era

Quindi, la famiglia del Teatro Totò è in lutto per la prematura scomparsa di Salvatore Liguori. Salvatore era figlio del direttore artistico, Gaetano Liguori, e a sua volta passionale e accorto direttore dell’Accademia delle Arti Teatrali – Teatro Totò. Come si è detto, lascia una moglie e un figlio di 3 anni.
Salvatore Liguori nel corso degli anni si è distinto, oltre che per le sue attività legate allo spettacolo, anche per la fotografia, in quanto fotografo professionista. Come si legge su Napoli Today, recentemente nel reparto del Cardarelli dove era ricoverato aveva ricevuto anche la visita dell’attore e conduttore Stefano De Martino.

I funerali si svolgeranno domani 18 aprile alle ore 12.00 nella Chiesa degli Artisti di San Ferdinando in piazza Trieste e Trento.

Fonte: Napoli Today

La redazione di NapoliZon ti suggerisce di leggere anche: Lutto a Mugnano, Biagio muore a soli 55 anni

Se vuoi supportare il progetto editoriale ti invitiamo a mettere mi piace alla pagina Facebook di NapoliZon.