11 Aprile 2024

Lutto a Mugnano, Biagio muore a soli 55 anni

Immagine di repertorio

Omicidio fratelli Marrandino, Mondragone Francesca muore, lutto casoria, lutto monte di procida, chiaiano muore totò, lutto a San Pietro a Patierno, Gricignano d'Aversa Rebecca muore, Mugnano luigi muore, Incidente Villa Literno, Giugliano Antonio Russo, Aversa Filomena, Procida mustafa muore, Mugnano scomparsa Virginia, fuorigrotta rita granata, Carinaro Marco muore, Massa Lubrense Maria muoreSan Gennaro Vesuviano Roberto, Marano Salvatore muore, Antonella Muore, Mugnano Maurizio muore, Morto Umberto Noviello, muore 18 anni, Morto Salvatore Liguori, Mugnano Jonathan muore, Vincenzo Garzillo, Dugenta Chris muore, Mugnano Biagio muore, Casoria muore Renato, Giugliano Luigi muore, giampiero muore, Muore 42 anni, Pozzuoli , Lucia muore, Addio Nicola Barbato, Morto Akira Toriyama, Mugnano, Roberta muore

La comunità di Mugnano di Napoli si stringe attorno alla famiglia di Biagio Capasso che muore all’età di soli 55 anni. Il triste annuncio viene dato sul gruppo Facebook cittadino “Sei di Mugnano in the world”. Tanti sono i messaggi di cordoglio che si possono leggere sul social.

Mugnano, Biagio muore solo a 55 anni

Biagio Capasso, noto parrucchiere di Mugnano di Napoli, muore a soli 55 anni. Stando alle informazioni che giungono alla redazione di NapoliZon pare che la morte sia riconducibile a un infarto. Tanti sono i messaggi di cordoglio sui social. Un utente scrive:
Ciao Biagio, mi dispiace molto. Una persona come poche, sempre col sorriso sulle labbra, una persona che chiedeva sempre delle persone che conoscevamo, per informarsi della loro salute. Riposa in pace, e che il Signore ti accolga. Condoglianze alla famiglia“.

Ancora: “Bravissima persona umile ed educato Mi dispiace tanto. Che gli sia lieve la terra. Sentite condoglianze alla famiglia“.

Fonte: Sei di Mugnano in the world

La redazione di NapoliZon ti consiglia di leggere anche: Tragedia a Mugnano: 47 enne muore improvvisamente o anche: Mugnano, tre giovani finiscono in ospedale: il motivo

Se vuoi supportare il progetto editoriale ti invitiamo a mettere mi piace alla pagina Facebook di NapoliZon.