Ministro Costa: “Obiettivo roghi 0” ma la realtà è un’altra



costa

Il ministro Sergio Costa pubblica la notizia di un intervento massiccio di mezzi per la sorveglianza e l’individuazione dei roghi nella terra dei fuochi ma ad oggi è cambiato ben poco

Nonostante gli sforzi del Ministero e di Sergio Costa sul tema terra dei fuochi, è bastato davvero poco per suscitare l’indignazione di chi purtroppo vive quei territori.

Il post pubblicato su Facebook dal Ministro spiega probabilmente la famosa teoria per cui la percezione di qualcosa è la soggettiva distorsione della realtà dei fatti, in altre parole, vediamo ciò che vogliamo vedere.

E mentre il Ministro dell’Ambiente mostra come l’Aeronautica Militare abbia messo in campo mezzi militari come satelliti, aerei, droni e analisti, che vanno ad aggiungersi agli assetti già operativi dell’Esercito, per dare un servizio maggiore di monitoraggio e sperimentazione”, i commenti dei cittadini che in queste ore devono affrontare la realtà dei fatti, sono tanti”.

Come sono tante le immagini postate proprio da chi vive da anni, da sempre questo disastro terre che non hanno mai smesso di brucia come in queste ore dove i roghi stanno obbligando molti cittadini a rinchiudersi in casa.

Naturalmente ci si aspetta il passaggio ai fatti dopo le parole e i post e nonostante il ministro specifichi che “questo accordo non comporta alcun costo aggiuntivo ma porterà più controllo e sicurezza”, ai cittadini interessa una visione effettiva dei fatti e magari la presenza sul campo della squadra ministeriale.

Commenti al post —-> link

Leggi anche Somma Vesuviana – strade indecorose

Leggi anche