2 Settembre 2022

Manifestazione contro il caro energia: disoccupati bruciano bollette

Bruciano bollette per protestare contro il caro gas: ecco cosa è successo questa mattina a Napoli, in piazza Matteotti al centro storico

bruciano bollette

Disoccupati bruciano le bollette contro il caro energia e gas. Ecco cosa è successo a Napoli, questa mattina, e in particolare in Piazza Matteotti. Il corteo era stato organizzato dal Movimento dei Disoccupati ‘7 settembre’ della 167. Circa cento manifestanti sono arrivati in Piazza e hanno protestato contro l’aumento vertiginoso dei costi dell’energia e del gas. La loro forma di protesta è stata molto particolare, perché hanno portato con loro le ultime fatture dell’elettricità e del gas.

Come riporta ANSA, i manifestanti hanno bruciato le bollette. Questo è un gesto simbolico, che va a sottolineare la gravità del problema e l’urgenza di trovare una soluzione, fondamentale per evitare effetti potenzialmente disastrosi. Effetti che colpirebbero in maniera ancora più grave chi non ha attualmente un lavoro.

Riportiamo le parole pronunciate dai manifestanti, pubblicate anche dall’ANSA.

Siamo stanchi delle promesse.

Da anni attendiamo un lavoro ed oggi non possiamo pagare queste cifre che sono triplicate”, hanno urlato i manifestanti mostrando le bollette. Le nostre famiglie sono allo stremo. Per noi, finora, solo tante parole e pochi fatti.

La manifestazione si è attualmente conclusa. Si attendono ulteriori aggiornamenti sulle nuove misure contro il caro energia e gas.

Fonte foto: BraciamiAncora.com

Leggi anche: Cimitero di Poggioreale: riapertura dal 12 settembre.