Il Napoli vince con l’Empoli, ma ancora non convince

Empoli
napoli_empoli

Nel turno infrasettimanale di mercoledì, il Napoli supera 2-0 l’Empoli, ma la prestazione degli azzurri ancora non convince.  I gol, entrambi nel secondo tempo, sono di Mertens (al 51′) e di Chiriches (all’81’). Male Insigne e Ghoulam. E sabato c’è la grande sfida di Torino contro la Juventus.

Le statistiche all’avvio

Il Napoli batte 2-0 l’Empoli, ma la prestazione degli azzurri, nel complesso, è ancora negativa.

Empoli
Sarri in conferenza stampa

Nonostante un possesso palla del 62% a 38%, il Napoli fatica più del dovuto per battere i toscani, e per il primo gol deve attendere il secondo tempo. Martusciello, tecnico dell’Empoli, dimostra di aver studiato per bene gli avversari, e riesce ad imbrigliare il Napoli per tutto il primo tempo con una difesa abbastanza compatta.

I toscani, comunque, alla vigilia di questa gara, vantavano una difesa che aveva subito finora appena 11 reti. Appena una in più del Napoli, costruito per tutt’altro obiettivo. Empoli che in ogni caso segna poco, e dunque ancora veleggia nelle parti basse della classifica.

Squadre complementari in avvio, con Martusciello che schiera un 4-3-1-2 con Saponara dietro a Mchedlidze e Pucciarelli. Sarri, invece, si affida al 4-3-3 con Mertens “falso nueve” supportato da Insigne e Callejon.

La cronaca della gara

Nel primo tempo il Napoli controlla la gara ma non è mai incisivo. La prima azione pericolosa arriva infatti solo al 31′ con Mertens che spedisce il tiro pochi centimetri a sinistra del palo. Subito dopo ci prova Callejon, ma Skorupski sembra in serata, e lo dimostra al 40′ con altre due buone parate su due tiri deboli e poco insidiosi di Lorenzo Insigne.

Empoli
Chiriches, suo il gol stasera

Si va al riposo con la tifoseria che mugugna per un gol che non sembra arrivare, e nella ripresa l’undici è confermato da entrambe le parti.

Dopo un paio di tentativi dell’Empoli con Mchedlidze, il Napoli passa al 51′ con Mertens. Il belga scarica in rete una bella palla di Callejon deviata tuttavia da un difensore empolese.

Da questo momento in poi, gara che si mette in discesa per gli azzurri, i quali provano a raddoppiare con un gran botto di Jorginho che trova un super Skorupski. Anche Reina, comunque, si trova ad avere il suo bel daffare, con lo spagnolo che al 61′ salva su Maccarone che becca la traversa. Parte subito dopo il valzer delle sostituzioni, e mentre il Napoli si affida a Diawara ed Hamsik, l’Empoli sceglie Croce. Out tra gli azzurri Jorginho e Allan, mentre per i toscani esce Buchel.

Il raddoppio degli azzurri arriva all’81′. In assenza di attaccanti centrali, ci pensa Chiriches che appoggia in porta un calcio d’angolo insidioso di Ghoulam. Empoli domato, e a questo punto il Napoli può iniziare a pensare alla sfida di domenica contro la Juventus, che arriva alla gara dopo il 3-1 di oggi alla Samp.

Spogliatoi

In conferenza stampa, Sarri soddisfatto, anche se il mister non può fare a meno di notare alcune difficoltà dei suoi. “Abbiamo fatto una buona prova, muovendo bene palla, creando tanto ma concretizzando poco. Dobbiamo toglierci la superficialità che subentra per qualche minuto e può comprometterci le gare”. Quanto a Higuain, rivale domenica allo Juventus Stadium, “Lo saluterò come un figlio che ti fa incazzare tanto, poi finirà lì”.