Il fumo uccide: a Napoli si sa dal 1860



Il fumo uccide

Il Fumo Uccide e si sa. E in un trafiletto di un periodico satirico di Napoli, l’autore scrive un’invettiva contro la nicotina. Siamo nel 1860

Tante volte, parlando con qualcuno di vecchia generazione, si sente dire che in passato il consumo di sigarette ebbe un boom in quanto non si sapevano i reali effetti del fumare sulla salute.

Al di là delle dicerie, a Napoli c’è stato in pieno periodo risorgimentale un precursore dell’odierno “Il Fumo Uccide“.

Siamo nel 1860 e il periodico in questione si chiama “il Fischio”. Si tratta di un giornale del tempo pubblicato tre volte a settimana, di stampo chiaramente provocatorio e satirico.

Le tematiche che tratta appartengono ai campi più disparati: dalla politica al sociale, fino ad arrivare, ovviamente, alla nicotina. Insomma, il fatto che il fumo uccide era già cosa nota.

Nell’articolo in questione, infatti, sono presenti alcune frasi come “il fumo rovina il mondo!” oppure “il fumo degenera la salute del genere umano!”.
Il tutto affrontato con quella sagacia tipica di un giornale satirico napoletano.
“Odierò il sigaro…non cesserò mai di gridare abbasso il fumo!”

Di seguito è possibile leggere l’articolo del giornale in questione, chiamato “ABBASSO IL FUMO!”

Il fumo uccide, articolo 1860
Il fumo uccide, articolo 1860

Ricordandovi ancora una volta che il fumo uccide, restate sintonizzati su Napoli.ZON Cultura per conoscere altri episodi sulla storia di Napoli!

Leggi anche