11 Marzo 2022

Guerra Russia Ucraina: ultimi aggiornamenti

Guerra Russia Ucraina

Ecco gli ultimi aggiornamenti sulla Guerra Russia Ucraina che prosegue da quindici giorni senza vedere ancora una via di risoluzione

Guerra Russia Ucraina: Ieri si è svolto l’incontro ad Antalya (in Turchia) tra Serghei Lavrov, ministro degli esteri russo e Dmitry Kuleba, omologo ucraino. In tale occasione non è stato raggiunto ancora nessun accordo, neanche su un cessate il fuoco temporaneo. Tuttavia, sembrerebbe che il ministro russo abbia aperto un piccolo spiraglio: ad alcune condizioni, Putin potrebbe dichiararsi disposto a incontrare Zelensky.

La giornata di ieri è stata segnata ancora una volta dal sangue e dalla violenza con il bombardamento sull’ospedale pediatrico di Mariupol, allo stato attuale una delle città che ha riportato maggiori danni e un numero più elevato di morti (1200 circa).

Nella notte, l’offensiva russa ha sferrato nuovi attacchi, secondo quanto riportato dai media ucraini.

È stata colpita Sumy, città del nord-est, dove sono morti un tredicenne e due donne.

A Chernihiv, i raid russi hanno danneggiato le reti di approvvigionamento idrico, lasciando senza acqua la città.

Un altro attacco è stato sferrato all’istituto di ricerca nucleare di Kharkiv.

E ancora, è stata bombardata Lutsk, sita nella parte nord-occidentale del Paese, dove le esplosioni hanno preso di mira un aeroporto e una fabbrica, causando la morte di due soldati.

Bombardata anche Dnipro, città dell’entroterra sul fiume Dnepr. Dai resoconti della Bbc pare che le esplosioni siano avvenute nei pressi di una fabbrica di scarpe, di un asilo e di un condominio.

Il ministro della Difesa russo (citato dalla Bbc) ha comunicato che le milizie filorusse del Donbass rivendicano la conquista di Volnovakha, punto strategico posto a nord dell’assediata Mariupol.

Inoltre, la Difesa americana e le immagini satellitari, mostrano che l’Armata di Putin si sta avvicinando sempre di più a Kiev, distribuendosi nelle zone limitrofe. Questo riposizionamento fa ipotizzare che nei prossimi giorni verrà scagliato un nuovo attacco alla capitale.

In una guerra che sta mietendo centinaia di vittime tra i civili, i corridoi umanitari sembrano l’unica via di fuga. Zelensky ha fatto sapere che solo ieri sono state evacuate 35mila persone. Oggi ne verranno messe in salvo altre.

Intanto, si inaspriscono le misure contro il Paese invasore. Da un lato, l’UE e gli USA si preparano a nuove sanzioni: Biden vorrebbe perfino aumentare i dazi sulle importazioni, ponendo termine a qualsiasi rapporto commerciale con la Russia.

Dall’altro, cresce il numero di attività commerciali e industriali che abbandona la Russia come segno di protesta: dopo Zara e Mc Donald, chiude i battenti anche la Dinsey.

Fonti: IL GIORNO e Rainews24

Potrebbe interessarti leggere anche:Guerra Russia Ucraina: bombardato ospedale di Mariupol.

Se vuoi restare sempre aggiornato sulla situazione della Guerra Russia Ucraina, seguici e lascia un like qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.