Giugliano: sequestrata piantagione “Indoor” di canapa indiana. Un arresto

Giugliano
Per l'immagine si ringrazia cinisionline

Giugliano: ritrovata piantagione “Indoor” di canapa indiana. Dopo aver arrestato un responsabile, parte la ricerca degli altri complici

Giugliano – A comunicarlo è stata la Guardia di Finanza dopo aver effettuato un’attività di Prevenzione Generale sul Territorio circa i traffici illeciti di sostanze stupefacenti. Il controllo stava avvenendo nell’area giuglianese, dove è stata trovata una piantagione “Indoor” di marijuana allestita all’interno di un’abitazione che è stata subito mesa sotto sequestro.

I Finanzieri del gruppo di Pozzuoli, tramite attività info-investigativa, hanno scoperto che nella stessa abitazione era presente un seminterrato in cui stanziavano altre 149 piante di canapa indiana, alte tra i 60cm ed 1 metro, nonché un complesso impianto di illuminazione ed areazione usato per intensificare la crescita. Durante la perquisizione dell’abitazione, è stata rinvenuta anche una pistola a salve priva del tappo rosso, modello Magnum, calibro 380-9 mmk, con relativo munizionamento.

Il responsabile di tutto ciò, è stato per fortuna subito trovato ed arrestato in flagranza di reato per coltivazione di sostanze stupefacenti e la presenza di armi non messe a norma dallo stesso. Si pensa che non sia stato il solo a gestire tutta l’attività, considerando il gran carico presente all’interno dell’abitazione. Nel frattempo, quindi, si cercheranno altri presunti complici.

Di seguito riportiamo integralmente il comunicato della GdF.

 

COMUNICATO STAMPA Napoli, 3 Agosto 2018
NELL’AMBITO DELLA COSTANTE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE GENERALE E
CONTROLLO ECONOMICO DEL TERRITORIO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE AI
TRAFFICI ILLECITI DI SOSTANZE STUPEFACENTI, FINANZIERI DEL COMANDO
PROVINCIALE NAPOLI HANNO SOTTOPOSTO A SEQUESTRO, NEL COMUNE DI
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA), UNA PIANTAGIONE “INDOOR” DI MARIJUANA
ALLESTITA ALL’INTERNO DI UN’ABITAZIONE.
IN PARTICOLARE, A SEGUITO DI UN’AUTONOMA ATTIVITÀ INFO-INVESTIGATIVA, I
FINANZIERI DEL GRUPPO DI POZZUOLI HANNO SCOPERTO, ALLESTITA IN UN
VANO SEMINTERRATO DI UN’ABITAZIONE DELLA PREDETTA CITTADINA, UNA
SERRA ARTIGIANALE OVE ERANO PRESENTI 149 PIANTE DI CANAPA INDIANA,
ALTE TRA I 60 CM ED 1 METRO, NONCHÉ UN COMPLESSO IMPIANTO DI
ILLUMINAZIONE ED AREAZIONE USATO PER INTENSIFICARE LA CRESCITA.
DURANTE LA PERQUISIZIONE DELL’ABITAZIONE È STATA RINVENUTA ANCHE UNA
PISTOLA A SALVE PRIVA DEL TAPPO ROSSO, MODELLO MAGNUM, CALIBRO 380-9
MMK, CON RELATIVO MUNIZIONAMENTO.
AL TERMINE DELL’OPERAZIONE, LE FIAMME GIALLE HANNO SEQUESTRATO LE
PIANTE, IL LOCALE CON TUTTI I DISPOSITIVI ELETTRICI PRESENTI UTILIZZATI PER
LA COLTIVAZIONE DELLO STUPEFACENTE E LA PISTOLA CON RELATIVO
MUNIZIONAMENTO.
IL RESPONSABILE, UN CITTADINO ITALIANO, È STATO ARRESTATO IN FLAGRANZA
DI REATO PER COLTIVAZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI E POSTO A
DISPOSIZIONE DELLA PROCURA DI NAPOLI NORD.
L’ATTIVITÀ DI SERVIZIO TESTIMONIA IL COSTANTE PRESIDIO ESERCITATO DALLA
GUARDIA DI FINANZA DI NAPOLI SUL TERRITORIO A SALVAGUARDIA DELLE LEGGI
ED A CONTRASTO DI UN FENOMENO CONNOTATO DA FORTE PERICOLOSITÀ SOCIALE“.