Furti di targhe: nuova serie di crimini a Teano

furti

Aumentati a dismisura i furti a Teano, soprattutto quelli di targhe automobilistiche, durante il periodo festivo

 Teano, città in provincia di Caserta, negli ultimi tempi è vittima di una serie di furti riguardanti targhe d’automobili e appartamenti.

Durante il periodo festivo i crimini si sono intensificati notevolmente, complice anche le partenze che hanno coinvolto un gran numero di cittadini, portandoli, per il periodo natalizio, lontano dalle loro abitazioni.

Ciò che è stato notato dalle forze dell’ordine è lo strano nesso tra i furti di targhe e quelli in appartamenti, infatti, in seguito a varie denunce si è notato che i ladri commettevano i loro furti anche in presenza di sistemi di videosorveglianza, non curanti delle registrazioni, questo grazie proprio alle targhe rubate e attaccate poi alle proprie autovetture, usate per commettere i crimini.

I ladri agiscono quasi sempre in villette isolate e situate in periferia, lontano dal caos cittadino, ultima vittima è stata la famiglia Amendola di Sant’Antonio, i ladri sono entrati nella villetta mentre la Signora Amendola era intenta nella preparazione della cena di Natale, i malfattori hanno portato via dalla villetta oggetti di valore, oro e denaro, ciò che inizialmente ha stupito è stato il loro ”agire” nonostante la villetta fosse provvista di telecamere di videosorveglianza, ma ciò è avvenuto proprio grazie al furto, precedente, di una targa prelevata da una qualsiasi automobile, infatti, risulta ben difficile, per le forze dell’ordine, risalire ai colpevoli visto sia l’uso di targhe false che di passamontagna.

Nell’ultimo periodo i furti di targhe sono all’ordine del giorno, ai ladri bastano solo 5 minuti per poter prelevare la preziosa targhetta, usata poi per commettere furti nelle case dei poveri cittadini, il furto di targa costa all’automobilista ben 200 euro.

Le forze dell’ordine casertane indagano su questi avvenimenti mentre ai cittadini è richiesta la massima attenzione, soprattutto in questo periodo.

Fonte il Mattino