Frecciatina alla Juve: le parole di De Laurentiis



de laurentiis
Immagine da web

Aurelio De Laurentiis manda una frecciatina alla squadra dei bianconeri: “Con il loro fatturato avrei vinto dieci scudetti… “

“Forse non riusciremo a battere la Juventus, chi lo sa, ma con quel fatturato, dieci scudetti li avrei vinti anch’io. Noi spesso ci siamo andati molto vicini”: questa la frecciatina mandata da Aurelio De Laurentiis alla Juventus nel corso dell’ intervento ad un’iniziativa organizzata dall’Unione Industriali di Napoli.

Il dirigente sportivo del Napoli ha poi continuato, senza risparmiare un’altra, più velata, frecciatina: “Il Napoli esercita una grossa attrattiva, ovunque vado non fanno che parlarmene, soprattutto all’estero. Siamo la diciannovesima squadra al mondo, non abbiamo debiti con le banche, siamo un modello virtuoso“.

De Laurentiis ha approfittato dell’intervento per annunciare la sua intenzione di acquistare una nuova squadra su cui però non ha voluto rivelare altro, definendolo un work in progress.

Inoltre interrogato poi sul San Paolo, ha commentato così: “È un grosso problema, il Comune non è mai andato oltre il galleggiamento. Ho pregato il Governatore di spendere 15 milioni per cambiare i seggiolini, ma non vorrei che mi facessero il brutto scherzo di cambiarli mentre stiamo giocando. Speriamo di andare molto avanti in Europa, non dobbiamo avere ostacoli”.

“Il Comune non ha mai fatto nulla per il San Paolo dal 1990, quando sono stati fatti i lavori sono stati rubati diversi miliardi di lire e nessuno mai è andato in prigione. Mi chiedono: vai altrove? Ci metto 2 secondi a comprare il terreno e 18 mesi per costruire il nuovo stadio, ma questo è il teatro di Maradona. L’unica parte importante della storia del Napoli, di un passato che non voglio dimenticare”, ha detto, infine.

 

Fonte Gazzetta dello Sport

Fonte immagine goal.com

Leggi anche