Ercolano, docce rotte sul litorale. L’appello del sindaco



ercolano

Le docce fatte installare dal sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto sulle spiagge del litorale ercolanese, dopo qualche giorno, sono già state vandalizzate

Anche quest’anno sulla spiaggia libera di Ercolano, nella località “La Favorita”, sono state fatte installare dal sindaco Ciro Buonajuto docce e fontanine per il refrigero dei bagnanti. Come sempre, però, a distanza di pochi giorni queste ultime sono state vandalizzate da ignoti, impedendo a turisti e vacanzieri di usufruirne.

“Io non ho parole. Già immagino che ci sarà chi mi verrà a dire che ci vogliono le telecamere, controlli e guardie armate.” – dichiara il sindaco Buonajuto sulla sua pagina Facebook – “Ma se abbiamo la necessità di mettere una telecamera o una guardia per controllare tutti i rubinetti e le lampadine della città, qualche domanda dobbiamo farcela. È mai possibile che la maggioranza di persone perbene debba soccombere dinanzi all’inciviltà di pochi schifosi? Io penso che l’unica soluzione sia che tutte le persone perbene si uniscano compatte a condannare e combattere contro questi pochi farabutti. Noi persone perbene siamo molte di più, ma solo se saremo uniti ce la faremo a battere questi schifosi.”

Un appello sentito e non rassegnato, quello del sindaco, che inoltre aggiunge che è stata già data disposizione ai dipendenti del Comune di ripristinare almeno le docce, porgendo loro i suoi più sentiti ringraziamenti.

Sull’argomento si è espresso anche Alfredo Izzo, coordinatore del Forum Giovani di Ercolano. “L’amministrazione deve continuare ad operare come sta facendo per i servizi della spiaggia libera, e non arrendersi a questi atti vandalici che sono compiuti da chi non vuole bene alla nostra città.” – ci dichiara – “Inserire docce e servizi igienici è un servizio per tutti e tutti noi cittadini onesti dobbiamo difendere questi spazi pubblici affinché siano soltanto l’inizio di una riscoperta del nostro litorale.”

Per seguire ulteriori aggiornamenti clicca qui

Leggi anche