Dinosauri a piazza Carlo III, ma il Real Albergo dei Poveri è abbandonato e fatiscente



Dinosauri

Dinosauri a Napoli, dal 9 ottobre, invadono il fatiscente e abbandonato Real Albergo dei Poveri, sito nella centrale piazza Carlo III in occasione della mostra The days of dinosaur

Continua un successo già annunciato, di una mostra giunta alla sua terza edizione, allestita all’interno delle poche sale ancora in uso dell’antichissimo monumento storico, meglio conosciuto dai napoletani come “O’ Serraglio” edificato dall’architetto Ferdinando Fuga nel lontano 1749.dinosaur

I bambini e gli appassionati degli amici giurassici, possono visitare le oltre 30 riproduzioni di esemplari a grandezza naturale, il giovedì e il venerdì dalle 10.00 alle 19.00 e nel fin e settimana, il sabato e la Domenica dalle 10.00 alle 20.00.

Otto le aree interattive da esplorare. Dino Sand Box, per Vestire i panni di un vero archeologo alla ricerca di fossili di dinosauri. Dino Foto, per fotografarti accanto al terribile Tirannosauro Rex o ancora Dino Ride: avvincente passeggiata in sella ad un dinosauro e tante altre.

Carmine Piscopo, assessore all’urbanistica del comune di Napoli aveva così dichiarato in sede di conferenza stampa tenuta per la cerimonia di presentazione della mostra: <<Gli ampi spazi dell’Albergo dei poveri ben accolgono le riproduzioni dei dinosauri che già in precedenza hanno riscosso successo>>.

dinosauriNoi di Napoli.Zon, abbiamo sottoposto queste dichiarazioni ai diretti interessati, ossia gli abitanti del quartiere S. Carlo all’Arena, a cui fa capo appunto piazza Carlo III, i quali sono apparsi piuttosto indignati dalle condizioni in cui versa il Real Albergo dei Poveri e dall’indifferenza del comune e dei politici.

Di seguito riportiamo alcune impressioni raccolte tra passanti, commercianti e abitanti della zona.

<<I topi invadono le aiuole che circondano l’edificio e dove possono i barboni fanno degli spazi abbandonati dimore improvvisate. E questi a che pensano? Ai dinosauri!>> così dichiara una passante intervistata a ridosso di via Bernando Tanucci, appena dietro il monumento.

<<Oltre 100.000 metri quadri di superficie utile e ci fanno i dinosauri e le palestre! Ma facessero una struttura ospedaliera che non sono mai abbastanza!>> afferma con tono irritato un commerciante di piazza Gian Battista Vico, alludendo all’attuale mostra e alla palestra Kodocan, struttura che sfrutta parte dell’ala destra dell’edificio.

<<O’ Serraglio sta invecchiando con me, ma le cose non cambiano mai! Sporcizia e degrado. La stanza centrale? Tutta bella in tiro e messa a nuovo per ospitare mostre ed eventi, ma il resto?>> questo quanto rilasciato da un’amareggiata anziana signora in piena siesta pomeridiana, seduta sulle panche di via Foria a pochi passi dall’Orto Botanico di Napoli.

dinosaurill 28 gennaio 2005 la Giunta ha approvato il Master plan per la realizzazione del  “Città dei Giovani nel Real Albergo dei Poveriprogetto che punta alla rivalorizzazione del monumento, grazie al quale sarà possibile frequentare corsi di studio universitari o di specializzazione, fare teatro, musica, andare al cinema, praticare sport, avere informazioni e accedere a servizi di assistenza per lo studio e il lavoro.

Nonostante siano in corso tutti i cantieri di ricostruzione delle aree crollate, sulla struttura tutt’ora  gravano una serie di vincoli giuridici che ne condizionano la destinazione d’uso, ma questi cavilli non interessano ad un quartiere che è stanco di vedere un monumento di tale importanza, abbandonato a se stesso e rispolverato soltanto in grandi occasioni.

 

Leggi anche