Di Maio a Napoli per Ciarambino

Di Maio

Di Maio a Napoli per chiudere la campagna elettorale di Ciarambino, entusiasmo per gli elettori fra piazza Garibaldi e il lungomare

Siamo entrati nell’ultima settimana di campagna elettorale, quella decisiva e più concentrata di impegni. Cene, interventi in piazza e nei salotti televisivi. Settimana di stress per i candidati e per chi li supporta da vicino. Gli elettori, invece, sono quelli più tranquilli. Commentano queste elezioni in un bar di quartiere o letterario e davanti a un caffè. C’è chi difende il proprio “pupillo” quasi a costo della vita e chi (gli indecisi) critica tutti e forse alle urna neanche si presenterà. Di Maio

Da un lato De Luca con la critica e la colpa di non potersi sedere sulla poltrona di Presidente del Consiglio Regionale visti i suoi spiacevoli precedenti con la magistratura che gli faranno subito decadere la carica. Dall’altro Caldoro con la colpa di essere stato un Presidente assente ma presente sempre a Roma, quindi un suo secondo governo non sarebbe bene accetto. Nel mezzo c’è l’impalpabile Vozza e la criticata CiarambinoDi Maio

Oggi, però, si chiude la campagna elettorale del Movimento 5 Stelle. Per l’occasione a Napoli, capoluogo regionale della Campania, quest’oggi è venuto Luigi Di Maio per supportare, proprio alla chiusura, il candidato di partito Valeria Ciarambino.

Di Maio, non solo siede in Parlamento ma è anche una personalità forte e bene amata dai cittadini. Insomma il giusto personaggio per chiudere una campagna elettore, in Campania, non facile visti gli altri candidati.

Di Maio e Ciarambino hanno incontrato questa mattina a Piazza Garibaldi, fuori dalla stazione centrale, i loro elettori. Gli stessi hanno risposto senza peli sulla lingua alle domande che venivano poste sia dai loro sostenitori che dagli indecisi e non. E’ stato bello e motivo d’orgoglio, per il Movimento 5 Stelle, scoprire che fra i vari elettori c’erano persone che in principio non credevano nel movimento ma poi, grazie ai fatti dimostrati, hanno cambiato opinione. Infine, la “gita” a Napoli termina con l’incontro (ultimo) con gli elettori sul lungomare. Immenso entusiasmo per il duo Di Maio-Ciarambino, ovviamente gli occhi erano puntati sul vice Presidente della Camera. Di Maio

Lo stesso Di Maio commenta sulla sua pagina di Facebook: “Oggi è un grande giorno. Abbiamo presentato al mondo la prima azienda in Italia ad essere stata finanziata dagli stipendi dei parlamentari del Movimento 5 Stelle.
Ci tagliamo lo stipendio ogni mese in 140 parlamentari e usiamo i nostri soldi per far nascere o aiutare nuove aziende, ovvero per creare nuovi posti di lavoro.
A giugno nasceranno o continueranno ad esistere, 8000 imprese grazie al nostro fondo.
La prima di queste 8000 si occupa di biologico e l’abbiamo presentata al mondo intero stamattina a Napoli.
L’avevamo detto, l’abbiamo fatto.
Si chiama credibilità.
Lo faremo anche nelle regioni dove entreranno nostri consiglieri regionali o nostri Presidenti.
Forza!

In più, con orgoglio, lo stesso Di Maio commenta il cambio d’idea di un elettore: “Ieri qualcuno si vantava di 500 posti in Emilia Romagna (senza aver fatto praticamente nulla).
Oggi con i soldi tagliati dagli stipendi dei Parlamentari del Movimento 5 Stelle, faremo partire o sviluppare con il Microcredito 8000 imprese solo a giugno. Se ognuna vorrà assumere 2 persone, saranno 16000 posti di lavoro in più.
È la prima volta che succede nella storia dell’occidente. Politici che rinunciano ai propri stipendi e fanno nascere nuovi posti di lavoro.

La prima in Italia a partire è stata un’impresa di prodotti biologici in Provincia di Salerno. La titolare si chiama Antonella. E non ha mai votato Movimento 5 Stelle!
Questo dimostra che mettendo i fondi su un conto pubblico, dove si accede per procedure trasparenti, siamo riusciti ad aiutare tutti i cittadini e non “gli amici degli amici”.
Scusate se è poco“.

La campagna si è conclusa per alcuni e per altri si sta per chiudere ma bisogna ancora attendere per conoscere il nuovo Presidente della nostra regione.