Cyberbullismo, 12enne insultata per il suo aspetto fisico

Cyberbullismo
fonte: Pixabay

Cyberbullismo, una ragazza di 12 anni vittima di bodyshaming da parte di un 14enne, l’avvocato del ragazzo interviene “anche lui preso in giro”

Nuovo episodio di cyberbullismo a Napoli.

Una 12enne ha denunciato di essere vittima di insulti legati al bodyshaming che avvenivano nelle chat di Instagram oppure su profili falsi creati ad hoc con sue foto.

A darne notizia è il quotidiano nazionale Il Messaggero.

In seguito alle indagini, la polizia postale ha individuato il bullo, si tratta di un 14enne che la vittima conosce.

Nel frattempo la madre di quest’ultimo ha raccontato una versione diversa della storia, nella quale il figlio, anche lui obeso, sarebbe stato “vittima di una gogna mediatica” scatenata dalla madre della dodicenne.

Anche l’avvocato ha difeso il suo cliente dichiarando: “Il giovane come sua madre stanno malissimo. La verità che fa emergere sua madre è ben diversa da come l’ha raccontata la madre della dodicenne. Secondo la quale, insieme con una coetanea, il ragazzo avrebbe creato un falso profilo Instagram intestato alla figlia, dove pubblicava foto e post compromettenti.”

Sempre l’avvocato procede affermando che “la ragazzina aveva l’abitudine di minacciare le persone con cui aveva problemi” e per tale ragione nessuno voleva frequentarla.

“Poi c’è stato un dissidio per motivi banali” continua il legale “e il loro rapporto si è incrinato […] innescando comportamenti discutibili da ambo le parti. Anche il giovane è in sovrappeso e anche lui è stato preso in giro per questo.”

Stando invece a quanto dichiarato dall’avvocato scelto dalla madre della vittima, la ragazzina aveva conosciuto i due cyber-bulli pochi mesi prima creando un rapporto di amicizia. Un altro episodio di cyberbullismo o una farsa? Si attendono ulteriori aggiornamenti.

Seguici su Napoli.ZON e sulle nostre pagine social Facebook, Instagram, Twitter e Telegram per ulteriori notizie su Napoli e provincia.

Potrebbe interessarti: Focolaio a Mondragone, c’è il primo guarito.