Coronavirus, la Serie A ripartirà davvero? Ecco cosa sta succedendo

Coronavirus

L’Emergenza Coronavirus ha costretto allo stop il calcio italiano. La Serie A potrebbe ripartire a Giugno, ma sarà davvero così? Ad oggi c’è incertezza

L’Emergenza Coronavirus in Italia ha colpito con forza. Il Coronavirus non ha soltanto causat la crisi sanitaria. Anche la crisi economica. Il COVID-19 ha infatti stoppato tutte le attività consuete. L’economia del Paese sta subendo danni gravissimi. Tra i settori colpiti c’è ovviamente anche il Calcio Italiano. La Serie A è infatti ferma da mesi ormai, e sebbene ci sia la speranza che riparta, la certezza assoluta che questo accada non c’è.

In particolare, secondo quanto riportato dall’ edizione odierna del Corriere della Sera molte squadre, per motivi di sicurezza e salute, sono contrarie alla ripresa. Oltre a Juve e Inter, sono infatti sfavorevoli Torino, Spal, Brescia, Sampdoria, Udinese e Cagliari, società che hanno firmato un documento che oggi verrà sottoposto all’assemblea. Il COVID-19 quindi potrebbe decretare il campionato annullato.

C’è infatti preoccupazione per via dei possibili contagi nel mondo del Calcio. Il Coronavirus ha infatti attaccato anche alcuni giocatori di Serie A. Ed inoltre il Governo pare non essere molto convinto della possibilità di riprendere gli allenamenti collettivi già dal 4 Maggio. Al momento si tratta solo di ipotesi, ma la sensazione è che il Premier Conte possa concedere soltanto allenamenti individuali, e non di squadra. Sarebbe quindi impossibile allenarsi in gruppo.

Ma quindi cosa succederà adesso? La Serie A sarà davvero finita? O si ripartirà con assoluta prudenza? La situazione può variare di giorno in giorno. Chiaramente gli esperti, sulla base dei dati relativi al COVID-19, diranno se sarà possibile riprendere. Al momento però non c’è particolare ottimismo. Ed il pallone potrebbe davvero smettere di rotolare prima del previsto.

NON PERDERTI NEMMENO UNA NOTIZIA. SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE PER RESTARE AGGIORNATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS IN ITALIA. CLICCA QUI.