Coronavirus, estubato Mattia: aveva scritto alla mamma “non ti lascio sola”

coronavirus, mattia estubato

Prima di entrare in coma aveva scritto alla mamma “Non ti lascio sola”. Mattia mantiene la promessa: è stato estubato

CORONAVIRUS – Dopo 15 giorni di lotte, buone notizie per Mattia, il ragazzo che scrisse alla mamma poco prima di andare in coma. «Tra poco mi intubano. Stai tranquilla, non ti lascerò sola. Ti amo, mamma, lotterò per te e per Anastasia. Devo andare», questo il messaggi commovente.

Mattia è un ragazzo di 18 anni di Cremona, positivo al Coronavirus, che è stato ricoverato in terapia intensiva a Cremona in coma farmacologico. Poco prima aveva scritto alla mamma promettendole di non lasciarla sola.

Il 18enne ha mantenuto la promessa. Dall’ospedale Maggiore di Cremona, il più giovane ricoverato di Cremona è stato estubato e ha potuto rivedere sua madre in videochiamata.

La storia di Mattia

Il 16 marzo, a Mattia sono comparsi i primi sintomi della malattia con delle crisi respiratorie: subito sono arrivati i soccorsi e il giovane è stato ricoverato. L’ultima volta che Ombretta ha visto suo figlio era in ambulanza, mentre la sorellina piccola, Anastasia, non l’ha mai visto: è morta nel 2015 durante il parto.

Per lei – racconta la madre – Mattia ha dedicato anche una fiaccola durante la sua festa di 18 anni. Mattia frequenta l’Itis e ogni giorno la madre riceve le chiamate dei suoi compagni di scuola, dei bidelli e dei professori.

Ombretta ha stretto anche un patto con le infermiere – raccontano i colleghi de Ilgiornale: «Mi scrivono su whatsapp, hanno preso a cuore mio figlio. Vanno da lui, me lo accarezzano e gli dicono che quella è la carezza della mamma».

Il rapporto tra madre e figlio è stato sempre molto stretto: Ombretta, quando Mattia aveva 3 anni, ha sconfitto un cancro e ha rafforzato il legame col figlio. Le condizioni di Mattia sono gravi ma restano stabili.

A casa lo aspetta anche il cane Aaron, che « E’ il più giocherellone, non salta più con nessuno e aspetta fisso davanti alla porta il ritorno di Mattia».

Leggi anche: Coronavirus, in coma noto avvocato napoletano

Seguici su Facebook. CLICCA QUI.