Coronavirus, Borrelli: “Oggi 2937 nuovi casi di positività, 727 i deceduti”

coronavirus

Coronavirus, la conferenza della Protezione Civile. Borrelli: ” 2937 i nuovi casi di positività.  727  i deceduti”. Tutti i dati

Coronavirus – Come di consueto, Napoli.zon segue in diretta per voi la conferenza stampa giornaliera della Protezione Civile in merito all’andamento dell’epidemia da covid-19 su territorio italiano.
A tenerla, come di consueto, il Capo Dipartimento, Angelo Borrelli.
Al suo fianco, il Prof. Villani, Componente del Comitato Tecnico Scientifico.

Questi i dati comunicati dal Capo Dipartimento in merito all’andamento dell’epidemia da covid-19.

Sono  1118 i guariti nella giornata di oggi, per un totale da inizio epidemia di   16847  .

I nuovi casi di positività al coronavirus registrati oggi sono 2937, per un totale di attualmente positivi di 80572.

In terapia intensiva sono attualmente ricoverati 4035   pazienti.

Si contano, nella giornata odierna,  727 deceduti, per un totale da inizio epidemia di    .
I trasferiti dalla Regione Lombardia oggi sono 7, per un totale di 103: di questi, 63 covid-positivi e 40 affetti da altre patologie. Di questi, 30 pazienti sono stati trasferiti in Germania.
Le tende montate, ad oggi, fuori i presidi ospedalieri, sono 786.
sono 151 le tende installate negli istituti penitenziari.
I volontari impiegati nella gestione dell’emergenza sono, ad oggi, 12986, ai quali si aggiungono i sanitari, i parasanitari e i militari delle Forze dell’Ordine.
I fondi raccolti ad oggi dalla Protezione Civile sono oltre quasi 95mln di euro, di cui oltre 8 milioni sono stati impiegati già per l’acquisto di DPI per i sanitari, impiegati in prima linea nella lotta al covid-19.

Borrelli sottolinea che molte raccolte fondi, che circolano anche a mezzo social, proponendosi come Protezione Civile, non sono autorizzate dal Dipartimento: l’unico IBAN valido è quello pubblicato sul sito del DPC.

Diminuiscono sensibilmente i ricoveri in terapia intensiva: ieri erano 42, oggi soltanto 12.

Tale diminuzione non è figlia della scarsità di posti di TI nei nosocomi italiani, ma di un maggiore contenimento del virus e dei suoi esiti di maggior gravità.

Il prof. Villani, Pediatra, sottolinea che non si registra alcun caso di decesso per covid-19 in età infantile. Esistono diversi casi di positività infantile al coronavirus, ma la loro situazione clinica è assolutamente sotto controllo.

In merito alla discussione sulla possibilità di portare i bambini a passeggio, il Prof. Villani richiama tutti al pieno e rigoroso rispetto del DPCM in corso di validità: uscire senza motivo non è permesso, mai.

In merito, poi, al superamento del picco e alla reazione di parte della popolazione, che pare stia organizzando uscite in occasione della prossima Pasqua, il Prof. Villani replica:

Non bisogna assolutamente abbassare la guardia. Siamo in piena fase emergenziale, non siamo fuori dalla pandemia e quindi occorre rispettare il vigente DPCM. Bisogna stare a casa e, solo quando l’emergenza sarà superata, verrà emanato un apposito decreto“.

Il Prof. Villani specifica che i tamponi vengono effettuati quando ci sono reali esigenze e preoccupazioni: la sola febbre non basta. La difficoltà di respirazione è, ad esempio, un segnale che merita massima attenzione.

Il Prof. ricorda, infine, che tutto il mondo sta seguendo il “Modello Italia”, a garanzia della solidità e della giustezza delle decisioni attuate dal Governo.