2 Ottobre 2022

Come risparmiare energia elettrica: i consigli utili per la bolletta

Come risparmiare energia elettrica: i consigli utili in questo momento di crisi energetica e di prezzi alle stelle.

Come risparmiare energia elettrica

Come risparmiare energia elettrica: i consigli utili in questo momento di crisi energetica e di prezzi alle stelle.

Con i prezzi alle stelle di luce e gas che andranno ad aumentare nei prossimi mesi invernali e corsa in tutte le case italiane a cercare rimedi domestici per cercare di ponderare tali aumenti e renderli quanto più economicamente sostenibili.

I consigli e trucchi per risparmiare sono veramente tanti, su questo ci viene incontro uno dei principali fornitori di corrente elettrica che è Plenitude del gruppo ENI (la maggior compagnia italiana sotto il controllo dello Stato).

Citiamo di seguito i consigli che ci vengono dati dall’azienda:

Staccare le spine e non lasciare i dispositivi elettronici in stand-by:

Fino al 75% del consumo totale di elettricità è dovuto ai cosiddetti carichi fantasma? Ovvero che un apparecchio consuma energia anche quando rimane connesso in stand-by alla rete elettrica? Quindi – senza accorgercene – siamo proprio noi a determinare i sovrapprezzi a fine mese e possiamo evitarlo staccando le spine!

La maggior parte delle famiglie ha più di una dozzina di dispositivi elettronici, e scollegarli tutti separatamente potrebbe risultare un po’ laborioso. Un trucco per guadagnare tempo potrebbe essere quello di raggruppare i dispositivi con una presa multipla in modo da disattivarli collettivamente. Accorpate il PC, il monitor, la stampante e il router WiFi e il gioco è fatto: lo spegnimento delle prese multiple costerà solo un paio di secondi al giorno e farà risparmiare parecchia energia all’anno sulla bolletta della luce!

Come risparmiare energia elettrica – Utilizzare correttamente lavatrice e lavastoviglie:

Quando fare la lavatrice per risparmiare corrente? Questa è una domanda alla quale molti di noi hanno già una risposta corretta: la sera, perché tra le fasce orarie di costo dell’energia è quella più economica. Ma esistono alcune accortezze in più per ammortizzare i costi arrecabili all’elettrodomestico. Per esempio, quasi tutti i capi d’abbigliamento possono essere lavati con ottimi risultati anche a 40° (insieme all’aumento della temperatura cresce anche l’impegno energetico); riempire a pieno carico ogni lavatrice per evitare di doverne fare di più è sempre una buona idea così come eliminare il prelavaggio se non è necessario.

Appena i panni saranno puliti presta attenzione anche a come asciugarli. L’asciugatrice è da utilizzare solo se necessario: quindi quando il clima è freddo o umido assicurandosi di aver centrifugato i capi per eliminare tutta l’acqua e impostando i programmi alla massima temperatura solo quando serve.

Un altro elettrodomestico da maneggiare con cura quando si vuole risparmiare in casa è la lavastoviglie; spesso capita di sparecchiare la tavola e inserire direttamente piatti e pentole all’interno della macchina quando – invece – andrebbero prima sciacquati manualmente per eludere il ciclo di lavaggio intensivo. Nella maggior parte dei casi, infatti, per igienizzare le stoviglie è sufficiente un lavaggio veloce a freddo. Inoltre, è importante pulire correttamente il filtro per consentire un’efficienza maggiore ed evitare l’asciugatura con aria calda, basterà aprire lo sportello per ridurre il ciclo di lavaggio di circa 15 minuti e risparmiare così il 45% di energia.

Usare correttamente il forno elettrico e quello a microonde e fare buon uso del condizionatore:

Sempre rimanendo in cucina, ricorda di ponderare le volte in cui apri il forno elettrico durante il suo funzionamento e prediligi sempre la cottura ventilata. Quest’ultima infatti fa circolare l’aria calda in modo uniforme in tutto il forno, permettendo non solo di velocizzare la cottura dei piatti ma anche di risparmiare sui tempi di funzionamento. Da evitare quando possibile è il preriscaldamento, in caso contrario è da prestare attenzione ai tempi in modo da non lasciare per troppo a lungo il forno accesso inutilmente. Altra buona abitudine è anche quella di pulire il forno dopo ogni utilizzo così da mantenerlo sempre pulito: i residui di cibo provocano infatti un notevole dispendio di energia durante l’accensione.

E per chi ha il forno a microonde ricorda che è un alleato per il risparmio energetico perché consuma la metà rispetto a quello tradizionale e i tempi di cottura sono decisamente inferiori (anche solo per scongelare gli alimenti).

Come risparmiare energia elettrica – Sostituire le vecchie lampadine con quelle a basso consumo:

Spegnere le luci non è l’unica soluzione per diminuire i costi delle bollette. Una delle strategie più semplici da mettere in atto per ridurre i consumi nella nostra abitazione è pianificare l’illuminazione elettrica. L’illuminazione artificiale rappresenta, infatti, circa il 10-15% dei costi energetici domestici. Per cominciare, si può apportare una modifica molto efficace dall’investimento contenuto: la sostituzione delle lampadine tradizionali a incandescenza o alogene con le nuove tipologie di lampadine a risparmio energetico (come i dispositivi LED), che consumano molta meno energia. Nei vecchi modelli infatti solo il 10-15% dell’elettricità consumata viene resa in luce, il resto viene trasformato in calore.

Con l’utilizzo delle lampadine a LED si ha la garanzia della stessa intensità di illuminazione, potendo però risparmiare fino al 90% di energia elettrica. Inoltre, i dispositivi LED hanno una durata superiore rispetto alle lampadine a incandescenza e a quelle a risparmio energetico.

(Credit immagine: BTicino)

LEGGI ANCHE IL SEGUENTE ARTICOLO: Sottomarino Belgorod in azione: la Russia aumenta la minaccia nucleare

Seguici su Facebook e resta aggiornato con NAPOLI ZON per tutte le notizie relative alla Città di Napoli e non solo (clicca qui e metti mi piace alla nostra pagina ufficiale social).